samsung

Samsung è sotto l’occhio della Commissione Europea dopo che alcuni test indipendenti hanno dimostrato che i televisori prodotti dall’azienda consumano molto di più durante l’utilizzo quotidiano rispetto a quanto hanno consumato durante i test di prova ufficiali.

La notizia emerge qualche giorno dopo lo scandalo Volkswagen e potrebbe avere un impatto simile per un colosso come Samsung. Un gruppo di ricerca chiamato ComplainTV ha eseguito alcuni test indipendenti su alcuni televisori di vari produttori, ed è risultato che quelli del colosso coreano utilizzano meno energia durante i test ufficiali rispetto a quanto non ne consumino durante l’utilizzo nella vita quotidiana. Samsung è dunque stata accusata di aver falsato i dati delle prove impostando un’opzione che abbassa in automatico l’energia consumata dalle TV durante questi test. La Commissione Europea è intenzionata ad indagare e ad andare in fondo alla questione.

In tutta risposta Samsung ha dichiarato che quest’opzione, chiamata Motion Lighting, non è stata creata appositamente per falsare i dati delle prove ma è un’impostazione presente di serie nei televisori utilizzata per ridurre in automatico la luminosità e i consumi in base a ciò che si sta visualizzando sullo schermo. “Non c’è alcuna somiglianza tra lo scandalo Volkswagen e il nostro Motion Lighting” ha dichiarato un portavoce del colosso coreano: quest’impostazione si attiva in automatico quando sullo schermo appaiono immagini in rapido movimento ed è stata progettata dalla Commissione Elettrotecnica Internazionale.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S9: ecco tutti gli accessori ufficiali dedicati al flagship

I test di laboratorio hanno effettivamente dimostrato che questo Motion Lighting riduce la luminosità e il consumo di energia in alcune particolari condizioni, ma nell’utilizzo nella vita reale non sono state registrate riduzioni nel consumo di energia, portando invece ad un incremento della bolletta e delle emissioni di carbonio. Al momento non vi sono dati tangibili che dimostrano che Samsung abbia agito in maniera illegale, ma le segnalazioni sono arrivate da diversi Paesi europei.

La Commissione Europea continuerà comunque ad indagare sia su Samsung che su altri produttori per vedere se la cosa si estende anche ad altri prodotti oltre ai televisori. La notizia non ha ancora una portata al livello di quanto successo negli USA a Volkswagen, ma se gli ulteriori test dovessero confermare la cosa Samsung potrebbe essere costretta a ritirare dal mercato diversi modelli di TV.