google
Google migliora la ricerca vocale

Google migliora la ricerca vocale su Android e iOS. Il nuovo sistema riesce a capire meglio le parole anche in luoghi affollati grazie al sofisticato algoritmo che predice più velocemente i f,onemi durante un discorso.

Con il nuovo importante aggiornamento rilasciato in queste ore da Google, la ricerca vocale riesce a funzionare perfettamente anche in ambienti rumorosi analizzando le parole in tempo reale. Migliora così, sostanzialmente, uno degli aspetti maggiormente riusciti di Android. Con il classico Ok Google” è possibile eseguire una miriade di operazioni diverse, dalla ricerca sul web all’impostazione di una sveglia e tanto altro.

Finora, però, il software poteva dare risultati errati in condizioni di utilizzo particolari (per esempio se c’è troppo rumore), ma tramite un post sul suo blog ufficiale il colosso di Mountain View spiega a grandi linee come opera il nuovo algoritmo che andrà a migliorare questa situazione.

ap_resize

Il nuovo sistema di riconoscimento acustico, che Google chiama Recurrent Neural Network (RNN), riesce a distinguere le varie differenze tra parole e suoni simili. Sul blog l’azienda usa l’esempio della parola inglese “museum”: il sistema di riconoscimento avrebbe in passato analizzato i fonemi singolarmente, mentre con il nuovo algoritmo la parola viene analizzata direttamente e automaticamente nella sua interezza proprio perché viene pronunciata essenzialmente senza pause. In questo modo è possibile fornire un feedback più veloce, dando all’utente i risultati di cui ha bisogno.

Leggi anche:  Google: sotto investigazione per aver raccolto dati privati senza consenso

Grazie a questo miglioramento è adesso possibile utilizzare la ricerca vocale di Google anche in situazioni particolari, come per esempio una strada affollata o in auto durante la guida. La nuova e migliorata ricerca vocale è disponibile sia su Android che su iOS.