firefox
I tre canali di rilascio di Firefox

È giunta fra noi l’ultima beta di Firefox, relativa alla versione 42 del famosissimo browser open source multipiattaforma. La novità più rilevante da segnalare è assolutamente la nuova modalità anti-tracciamento (ne avevamo già parlato quando era in fase pre-beta, un mese fa); essa è stata rivista in alcuni particolari, andiamo a vedere quali.

Tracking Protection è l’ultimo baluardo in difesa della privacy messo in atto da Firefox; raggiungere questa modalità è piuttosto semplice: dopo aver scaricato ed installato la versione 42 Beta, basta aprire una semplice finestra in navigazione anonima (Private Browsing) per sfruttare la nuova modalità anti-tracciamento.

Fino ad adesso, con la navigazione anonima, era lo stesso Firefox a non tenere traccia della nostra navigazione, semplicemnte evitando di salvare i cookie, la cronologia, i file temporanei e la lista dei file scaricati. Ciò, comunque, continuava ad esporre l’utente al tracciamento, da parte delle pagine web, mediante l’uso degli annunci pubblicitari o i pulsanti per la condivisione sui social network. Il fine di questa “collezione” di dati personali non è uno solo, ma può essere impiegata per diverse attività (ad esempio per le campagne pubblicitarie mirate).

Leggi anche:  Mozilla Firefox: le novità della versione 58 Beta
firefox
La nuova finestra di navigazione anonima con il Tracking Protection

Tracking Protection di Firefox va a rendere la vita non proprio facile a chi intende tracciare la nostra navigazione, bloccando alcuni elementi, delle pagine web, intenti ad invadere la nostra privacy. Mai nessuno della concorrenza si era spinto così in avanti nella lotta al tracciamento dei dati. Miglioramenti anche per il Control Center della finestra di Private Browsing, con la possibilità di gestire il funzionamento del Tracking Protection.

Non mancano altre novità che finiranno poi sulla versione stabile di Firefox: aggiunto il supporto a WebRTC, migliorato il Login Manager e aggiunta un’icona, contrassegnata da un’altoparlante, che identifica la scheda che sta riproducendo contenuti multimediali da un sito web, oltre a consentirne la disattivazione dell’audio.

Firefox sta facendo un grosso sforzo ultimamente, su diversi fronti; ha già deciso di coinvoglere gli utenti con un nuovo programma di test, per ottenere dei feedback più rapidamente e conferma di tenere alla loro privacy con questa nuova feature. Ben fatto.

[pb-app-box pname=’org.mozilla.firefox_beta’ name=’Firefox Beta’ theme=’light’ lang=’it’]