Spot
Fonte: US Marines Corps

Spot è il cane robot prodotto da Boston Dynamics ispirato al Big Dog, suo “parente” più grande. Il cane meccanizzato è stato di recente impegnato in un’esercitazione militare organizzata dai Marine e dalla DARPA, agenzia americana di ricerca e sviluppo nell’ambito della difesa, per sperimentare nuovi modi di impiegare i robot in combattimento.

Di recente i Marine hanno testato Spot, un robot a forma di cane – prodotto da Boston Dynamics –, per capire come i robot possono essere utili in situazioni di combattimento.

Spot vi ricorderà sicuramente il Big Dog, sempre dalla Boston Dynamics (ora nelle mani Google); si tratta infatti di una versione più piccola e agile, un “cucciolo”.

Il robot pesa quasi 73 kg ed è azionato idraulicamente da un sensore posto nella “testa” che regola il sistema di navigazione. L’automa può essere comandato da poco meno di 500 metri di distanza tramite un portatile e un comunissimo controller di gioco.

Spot
Il portatile e il controller di gioco impiegati per comandare Spot | Fonte: US Marines Corps

I robot da combattimento non sono certo una novità ma Spot rappresenta, in maniera più discreta, gli ulteriori successi ottenuti nel campo della robotica.

Lo scorso fine settimana il cane meccanizzato è stato messo alla prova durante una simulazione di combattimento svoltasi attraverso vari scenari quali la foresta e il contesto urbano.

Leggi anche:  Google: sotto investigazione per aver raccolto dati privati senza consenso

In uno di questi scenari, Spot è stato mandato in ricognizione dentro un edificio, prima degli umani, per valutare eventuali pericoli; questo ruolo fino a oggi, probabilmente, è stato ricoperto da cani veri.

I test sono stati condotti dalla DARPA, l’agenzia americana di ricerca e sviluppo nell’ambito della difesa, assieme al corpo dei Marine.

Spot mette sicuramente in mostra i muscoli robotica militare americana mentre in Asia e in Europa le compagnie sembrano più interessate a progetti di robot civili, pensati per vivere al fianco dell’uomo.

Spot può rappresentare sicuramente una potenziale risorsa “salva vita” per la fanteria; tuttavia, per lui non è ancora il momento di scendere nei veri campi di battaglia. Infatti, per ora, il robot cane viene solo utilizzato per sperimentare nuovi modi di impiegare gli automi in scenari di combattimento.

I Marine, comunque, si sono dimostrati molto interessati dalla tecnologia di Spot; chissà in quale macchina da combattimento lo trasformeranno in futuro.