huawei
Huawei al lavoro su uno smartphone con pennino?

Huawei ha deciso di puntare alto e di competere direttamente con Samsung e il suo Galaxy Note 5. L’azienda potrebbe essere infatti al lavoro su uno smartphone dotato di pennino.

Quando Samsung ha presentato il primo Galaxy Note nel lontano 2011, in molti hanno avanzato delle critiche per via delle dimensioni del device ritenute esagerate, in un’epoca in cui gli smartphone difficilmente andavano oltre i 4 pollici. Col passare degli anni, e soprattutto con l’uscita del Galaxy Note II l’anno seguente, Samsung è riuscita a fare breccia nel cuore dei consumatori, arrivando a coniare il termine phablet per riferirsi a questo tipo di dispositivi. Huawei vuole replicare quel successo e competere direttamente con l’ultimo arrivato Galaxy Note 5, e per farlo potrebbe essere al lavoro su uno smartphone dotato di pennino.

Huawei vuole disperatamente diventare un produttore di spicco negli Stati Uniti, e per arrivare a questo ha ideato una vera e propria strategia. L’azienda ha già prodotto alcuni phablet in passato, ma per competere con la gamma Note di Samsung deve integrare un pennino in maniera intelligente nel software. Il colosso coreano Samsung ha acquistato una parte di Wacom, produttore di pennini per dispositivi mobili, e ha migliorato le funzionalità della S-Pen ogni anno.

Leggi anche:  Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge, in arrivo l’aggiornamento XXU1DQJ8: miglioramenti, brand TIM e installazione

Secondo la fonte, anche Huawei si è diretta da Wacom per ottenere un accordo, ma per qualche motivo non c’è riuscita. L’azienda si è però assicurata una collaborazione con un altro produttore di pennini che possa competere con i prodotti della concorrenza. Resta ancora da vedere se il colosso cinese produrrà o meno un phablet con stilo, ma sicuramente i passi in quella direzione sono stati compiuti.

Con la crescita dei phablet negli ultimi anni – secondo gli analisti si è visto un incremento del 33.6% nel 2014 – l’idea di Huawei di realizzare un dispositivo di questo tipo ha sicuramente senso, soprattutto in un mercato come quello statunitense. Vi piacerebbe un phablet con pennino prodotto dalla pluripremiata Huawei?