facebook
Il like di facebook su una scrivania per ufficio

Certo, Facebook viene utilizzato soprattutto come passatempo: chattare con gli amici, postare foto o video, giocare, leggere notizie, partecipare a gruppi, aderire ad eventi, ecc. Ma può essere utilizzato anche per scopi lavorativi. Del resto ha grandi potenzialità per tale scopo. Zuckerberg e soci lo sanno bene e così hanno deciso di implementarne le funzioni.

Il popolare Social network vuole così sostituire Slack con un prodotto ancor più specifico, il quale sarà probabilmente lanciato entro la fine di quest’anno. Poche però sono le notizie trapelate fino ad ora. Tutto però parte dal fatto che gli stessi dipendenti di Facebook hanno utilizzato il social per anni, come ha confermato il responsabile alle risorse umane Julien Codorniou. Poi, quasi 15 mesi fa, è stato rivelato che si stava lavorando allo sviluppo di un servizio per ufficio per le aziende al di fuori di Facebook.

Come Facebook prevede di convertire strumenti di comunicazione di business esistenti, come ad esempio Slack e Yammer, è però come detto ancora poco chiaro. Colossi aziendali hanno utilizzato questi prodotti per anni, con una grande quantità di contenuti archiviati, compresi i messaggi importanti e documenti interni aziendali. Inoltre, altre cento aziende si sono iscritte alla versione Facebook per gli uffici. Pertanto, pare che Facebook stia per tentare l’impensabile, anche se forse non è troppo inverosimile.

Facebook prevede infatti di fare soldi dalla nuova impresa, senza però passare per i soliti banner, come fatto con Slack. Questa volta, vuole lanciare una versione gratuita con funzionalità aggiuntive rilasciate invece a pagamento. Anche questo punto non è ancora chiaro: cosa sarà gratuito e cosa no.

Leggi anche:  Facebook Messenger, brutta notizia: arriva la pubblicità tra le chat

Nel tentativo di stimolare l’interesse delle aziende che desiderano sostituire il proprio strumento di comunicazione, Facebook probabilmente avrà qualche nemico lungo la strada. Si pensi a Microsoft, titolare di Yammer, pure usato per lo stesso scopo.

L’unico elemento certo è che Facebook per gli uffici punti molto alla “familiarità”, da sempre l’obiettivo principale del social quando lancia nuovi prodotti. Questo perché, anche se può sembrare ovvio, la maggior parte di noi conosce i pro e i contro di Facebook. Un difetto che gli si potrà imputare è il fatto che molte aziende temeranno una perdita di produttività prevedendolo nei propri uffici. Per ovviare a ciò, si prevede che sulla versione desktop della piattaforma, gli utenti saranno in grado di scegliere tra la versione da lavoro e quella da casa, mediante due separati account. Mentre, sul cellulare, Facebook sul luogo di lavoro esiste di per sé, come una applicazione indipendente.

Vedremo dunque cosa saranno in grado di partorire i cervelloni alla corte di Zuckerberg. Dati i precedenti, sicuramente qualcosa di straordinario e di successo.