Roomba 980
Fonte: geek.com

Roomba 980 è il nuovo membro della famiglia di robot aspirapolvere di iRobot. A differenza dei modelli precedenti, quest’ultimo disporrà di una fotocamera e di sensori di prossimità che gli permetteranno di mappare la stanza in cui opera e impostare, quindi, un percorso più efficiente.

Siamo ancora molto lontani dalla realizzazione di un robot che si occupi da solo di tutte le faccende domestiche; al momento, però, possiamo solo accontentarci di avvalerci di più robot che svolgono ciascuno una funzione specifica, limitata, come tagliare un prato, preparare cibarie o pulire i pavimenti.

Proprio in quest’ultimo ambito, negli anni, Roomba di iRobot si è distino tra aspirapolvere smart.

Va detto che il funzionamento degli attuali modelli di Roomba è tutto fuorché smart. Si parla pur sempre di un “aggeggio” che vaga per la casa e, sbattendo qua e là, cambia percorso in maniera random, ovvero “a casaccio”.

Invece, i prossimi modelli di Roomba, partendo dal 980, non saranno più così “grezzi” e disporranno di un sofisticato sistema che permetterà loro di mappare la casa ed essere, quindi, più efficienti.

Il sistema si chiama SLAM (simultaneous location and mapping) ed è un algoritmo che si avvicina molto a quello utilizzato per le macchine autonome di Google.

Leggi anche:  I robot ruberanno il lavoro agli umani, secondo il Mit in modo inferiore nelle metropoli

In pratica, il Roomba 980 disporrà di una camera in grado di catturare delle foto dell’ambiente circostante; le immagini acquisite vengono poi elaborate da un software dedicato che costruisce una mappa della stanza tenendo contemporaneamente sotto controllo la posizione del robot. In questo modo, il robot può tracciare e seguire un percorso di pulizia più efficiente tenendo conto degli ostacoli.

Oltre a questo, il Roomba 980 disporrà anche di sensori di prossimità che lavoreranno assieme alla fotocamera.

Roomba 980
Il Roomba 980 e il suo sistema di mappatura in azione

Il robot rispetta anche la privacy: Roomba 980 non ha modo di trasmettere in alcun modo le mappe tracciate che, comunque, vengono cancellate di volta in volta.

La mappatura di una stanza in tempo reale è un processo computazionale complesso e iRobot deve averci lavorato parecchio; non stupisce quindi il prezzo, intorno agli 899$, circa 200$ in più rispetto al modello precedente.