smartwatch
Gli smartwatch, sempre più desiderati dall’utenza

Gli smartwatch hanno finalmente colpito, in maniera definitiva, il mercato tecnologico mondiale. Nuove stime, sempre più accurate, attestano l’incremento esponenziale dei dispositivi tecnologici indossabili.

Apple Watch fa da traino a tutto il mercato, relegando le alternative a numeri più contenuti ma comunque rilevanti; i ricercatori danno questa situazione di supremazia Apple, per quanto riguarda le vendite di smartwatch, invariata fino al 2019 ma, sempre nello stesso lasso di tempo, gli orologi equipaggiati con Android avranno una crescita maggiore. A fine 2015, saranno stati venduti ben 76,1 milioni di dispositivi, andando a registrare un aumento, su base annua, del 163%. Capirete bene che, dopo tale annata, questa tipologia di prodotto entrerà di diritto a far parte della nostra quotidianità, alla stregua degli smartphone e dei tablet.

Va puntualizzato, nella categaria “indossabili”, non sono annoverati solo gli smartwatch; esiste tutta una tipologia di bracciali tecnologici, meglio conosciuti come smartband, che sono stati in grado di fare breccia nel cuore dell’utenza, specialmente quella particolarmente amante del fitness. Ad oggi, quest’ultimi sono i più venduti ma, in tanti, sono convinti che la tendenza verrà capovolta (a favore degli smartwatch) nel giro di tre anni o poco meno.

Leggi anche:  Google ha finalmente ridisegnato l'emoji dell'hambuger e quello della birra

È, quindi, possibile ipotizzare un sorpasso anche ai danni di smartphone e tablet? Difficile affermarlo con certezza; di certo, gli analisti prevedono una evoluzione piuttosto rapida per gli smartwatch, che abbandoneranno quello status di appendice di altri dispositivi, diventando prodotti a sè sempre più potenti ed indipendenti.