facebook
Acquisti e servizi su Facebook

Facebook vuole che le varie pagine commerciali comincino a guadagnare denaro vendendo beni e servizi direttamente dall’interno dell’applicazione.

Sono più di 45 milioni le piccole imprese che utilizzano quotidianamente Facebook per mantenersi in contatto con i propri clienti e il colosso dei social network ha adocchiato una nuova possibilità di guadagno. L’azienda sta infatti aggiornando le varie Pagine commerciali con una nuova sezione “Shop” dove gli utenti potranno acquistare prodotti o usufruire di una serie di servizi offerti dall’impresa stessa. Facebook sta inoltre ridisegnando il layout rendendo i tasti per contattare le varie imprese o per inviare un messaggio ancora più grandi e più visibili alla vista, sotto l’immagine di copertina.

11891347_684775194985827_1052862395_nLa sezione “Shop” include il tasto “Compra”, gestito da Shopify, che ha avviato una partnership con Facebook appositamente, così che gli utenti possano scorrere tra i vari prodotti disponibili senza effettivamente lasciare il social network e dirigersi su un sito web esterno.

Si tratta dei cambiamenti più grandi apportati alle Pagine sin dal 2012. Con questo aggiornamento le varie Pagine Facebook potranno diventare effettivamente utili alle varie imprese, e non essere semplicemente un plus.

Per Sheryl Sandberg, che ha presentato le novità durante una conferenza stampa apposita, costruire un business di commercio mobile è duro e costoso, soprattutto per le piccole imprese. Ed è in casi come questo che Facebook si presenta come l’alleato perfetto, accessibile a tutti e di facile utilizzo.

Al posto di costruire un intero sito web o una applicazione per lo shopping, Facebook vuole che le compagnie sfruttino appunto le proprie Pagine sul social network. La gente non vuole un’intera applicazione per restare aggiornato sulle novità del proprio negozio preferito, preferendo invece accedere a Facebook e leggere le novità direttamente dal social network.

Leggi anche:  Messenger DOWN in vari Paesi, le proteste degli utenti contro Facebook

La strategia è molto simile a quella offerta dalla piattaforma WeChat in Cina. Piuttosto che creare da zero un’applicazione da far scaricare ai consumatori, WeChat permette alle imprese di creare un “account ufficiale” che la gente può seguire e da cui si può acquistare in sicurezza. Il primo passo di Facebook in questa direzione sono appunto le nuove sezioni “Shop” e “Services”. Finora le varie imprese dovevano costantemente aggiornare le proprie pagine con nuovi post per informare gli utenti delle novità, mentre adesso avranno un’intera sezione dedicata per mostrare i propri prodotti.

Send MessageSe si ha poi bisogno di ulteriori informazioni prima di acquistare un prodotto, sarà disponibile un apposito tasto per inviare immediatamente un messaggio al negozio e far partire così una conversazione tra il consumatore e l’impresa.

In questo modo si evita anche di intasare la pagina con commenti e stati di altre persone, che potrebbero minare la credibilità del brand, rendendo invece il tutto più privato. Se Facebook riuscisse in quest’impresa, riceverebbe molto più traffico perché i vari consumatori comincerebbero a visitare molto di più le varie pagine piuttosto che i siti web ufficiali.

Sembra insomma che Facebook non abbia intenzione di fermarsi, e che cerchi di trarre più guadagno possibile rendendo il social network una vera e propria piattaforma dove è possibile eseguire praticamente di tutto.