adblock
adblock

AdBlock è il software più utilizzato al mondo per bloccare tutti i fastidiosissimi ed invadenti banner pubblicitari. Tuttavia, questo software sta danneggiando i guadagni della stessa Google. Vediamo i dettagli di come Moutain View vorrebbe aggirarlo!

AdBlock nacque con l’intento di liberare gli utenti dall’eccessivo utilizzo di banner pubblicitari. La stessa applicazione, però, oramai blocca qualsiasi tipo di pubblicità, permettendo agli utenti di eliminare anche i pochi banner pubblicitari presenti su YouTube e danneggiando enormemente i guadagni del servizio. Proprio per questo, Google ha ideato una piccola soluzione, impossibile da bloccare in quanto integrati totalmente all’interno del video; dunque, non flash, e ovviamente, abbastanza fastidiosi considerando che un banner può durare anche diversi minuti.

Altra piccola feature, stando ai soliti report, sarebbe quella capace di far apparire il classico tasto per “skillare” l’ad solo ed esclusivamente agli utenti che hanno inserito in white-list il sito web di YouTube permettendo quindi allo stesso di visualizzare anche altri banner oltre a quelli video.

Leggi anche:  YouTube: a breve il lancio del nuovo servizio di streaming musicale a pagamento

Senza dubbio, si tratta di due strategie molto brusche e che potrebbero essere molto odiate dagli utenti. AdBlock è un software abbastanza dannoso per l’industria di Internet la quale si basa quasi esclusivamente sul traffico pubblicitario. Certo, alcuni siti web esagerano decisamente con l’utilizzo di banner pubblicitari che risultano eccessivamente fastidiosi. Per questo, AdBlock diventa uno strumento abbastanza utile per contrastare tale eccesso.

Voi cosa ne pensate? Google aprirà una nuova strada o semplicemente non otterrà nulla da queste soluzioni? Ma soprattutto siete dei sostenitori o degli “haters” di AdBlock?