lg nexus 5x

LG Nexus 5X è il prossimo Googlephonino creato in collaborazione con l’azienda sudcoreana, e dovrebbe arrivare sul mercato verso la fine di questo mese.

Abbiamo parlato tantissimo nelle ultime settimane dei due presunti Nexus che Google lancerà quest’anno in occasione dell’arrivo di Android Marshmallow, LG Nexus 5X da un lato (o Nexus 5 2015 che dir si voglia), e Huawei Nexus dall’altro (nome non ancora definitivo). Secondo gli ultimi rumors, i due device verranno presentati ufficialmente a San Francisco il prossimo 29 Settembre, con rilascio immediato o qualche giorno dopo sul Play Store.

AndroidPit ha postato quest’oggi il render di quello che dovrebbe essere il design finale di LG Nexus 5X (nome non ancora confermato). Il render in questione ci mostra soltanto la parte posteriore del dispositivo, e non è tanto diverso dai render mostrati nei giorni passati. Possiamo notare il logo Nexus che occupa la parte centrale della back cover, un lettore di impronte digitali circolare e una fotocamera sporgente (presumibilmente da 13 megapixel).

Per quanto riguarda la scheda tecnica, LG Nexus 5X non sarà tanto diverso dall’LG G4 rilasciato quest’anno, e dovrebbe montare un display da 5.2 pollici Full HD, 3 GB di memoria RAM, Snapdragon 808, una batteria da 2700 mAh e, ovviamente, Android 6.0 Marshmallow. AndroidPit conferma inoltre che il prezzo ufficiale di vendita partirà da una base di meno di 400 dollari.

Leggi anche:  TIM: ecco le incredibili offerte di Novembre con una gradita sorpresa

Is-this-the-final-design-of-the-Nexus-5-2015 (1)

Negli ultimi giorni si stanno facendo sempre più insistenti le voci sul Nexus di LG, mentre il presunto Huawei Nexus sembra essere tornato nel dimenticatoio. Il device in questione dovrebbe essere il successore spirituale del Nexus 6 di Motorola, così come LG Nexus 5X lo è del Nexus 5 del 2013. Il device di Huawei dovrebbe inoltre essere leggermente più performante del Nexus LG, con uno Snapdragon 810 e un display QHD.

Il 29 Settembre è ormai alle porte, non ci resta che aspettare e vedere cosa ha in mente Google per la generazione Marshmallow.