Intel all'IFA 2015
Intel all’IFA 2015

All’IFA 2015 Intel ha annunciato gli innovativi processori Skylake che rappresentano il più grande aggiornamento tecnologico degli ultimi dieci anni. Questi chip sono pensati per computer piccoli e veloci ma anche per dispositivi mobili.Sul palco dell’IFA 2015 Intel presenta al pubblico i processori Skylake i cui core M, in alcune situazioni, saranno del 200% più veloci, con una grafica 30 volte migliore e batterie che durano tre volte più a lungo. La caratteristica più innovativa dei chip Skylake è una tecnologia chiamata Speed ​​Shift. Fin ora il sistema operativo aveva il compito di dare gli input per l’esecuzione delle prestazioni e il processore regolava conseguentemente la velocità, un processo che durava circa 30ms. Con la nuova tecnologia invece le cose cambiano, Intel ha focalizzato l’intera reazione sul processore e la latenza è ridotta a solo 1 ms, il risultato finale è un sistema più reattivo ed efficiente.

Per dimostrare quanto detto la società ha costruito un supporto con 6 telecamere GoPro che offrivano una visione a 360 gradi ad un’alta definizione ultra 4K ed era alimentato dai nuovi processori.

Leggi anche:  Intel e LEAGOO T5c insieme nel mercato mobile con il chip Spreadtrum SC9853i

Intel Skylake, i processori per diverse tipologie di dispositivi

Lo sviluppo di questi chip rivoluzionerà il settore dei piccoli computer ma anche quello di smartphone e tablet che con a bordo questi processori potranno elaborare a velocità simili a quelle dei PC. Intel ha progettato i chip Skylake in diverse dimensioni che vanno da un TDP 4.5W pensati per supporti ultra-sottili fino a 91W per workstation.

intel skylake

La società spiega che la sincronizzazione tra il rilascio di Windows 10 e questi processori di sesta generazione potrebbero determinare un andamento delle vendite molto positivo per Intel e Microsoft, le due aziende infatti collaborano già da quattro anni per alcuni progetti. Questi nuovi processori potrebbero essere una nuova vittoria per Intel, Microsoft e anche per l’utente finale che beneficerà di una maggiore efficienza e potenza anche sulle piccole piattaforme mobile.