Revo Build
Fonte: geek.com

Acer presenta il Revo Build, un mini PC modulare Windows 10 che può essere agilmente ampliato con vari tipi di moduli aggiuntivi, impilabili magneticamente.

Dopo il Progetto Ara di Google e il Progetto Christine di Razer, anche Acer ha deciso di buttarsi sulla tecnologia modulare con il Revo Build M1-601, mini PC con Windows 10.

Il dispositivo, presentato all’IFA 2015, è simile agli altri membri della sua categoria e si ispira al design del NUC di Intel.

Il dispositivo, delle dimensioni di 125 x 125 mm, disporrà di una memoria interna di 32 GB, una scheda grafica integrata Intel HD e sarà disponibile in diverse varianti a seconda del processore, sempre Intel, che monterà al suo interno: al momento Acer ha annunciato i modelli con i processori Celeron N3050, Celeron N3150 e Pentium N3700.

I moduli magnetici aggiuntivi

Ma il punto distintivo e di forza di questo piccolo personal computer è la modularità; sarà infatti semplicissimo aggiungere moduli hardware aggiuntivi, impilandoli grazie a una connessione magnetica.

Revo Build
Fonte: slashgear.com

Inizialmente Acer offrirà solo un paio di moduli di archiviazione aggiuntivi, uno da 500 GB e l’altro da 1 TB. Queste unità dovrebbero disporre di una presa posteriore USB 3.0, rendendoli utilizzabili anche come hard disk portatili.

Leggi anche:  Cyber Monday Acer: smartphone, laptop e monitor al 30%

In futuro, invece, ne saranno disponibili diversi altri per la personalizzazione del mini PC, tra cui un modulo dotato di proiettore, un modulo audio con altoparlanti integrati e anche uno con processore grafico AMD (GPU).

A rendere il mini PC ancora più interessante è il fatto che Acer sembra avere dei piani a lungo termine per questo prodotto.

Il prezzo di partenza del Revo Build sarà di 199 €.

Insomma, pure essendo un’idea molto stuzzicante e promettente, non resta che sottoporla alla prova del tempo: chissà se tra qualche anno si troveranno ancora i moduli di espansione o se magari salterà fuori una base di nuova generazione che non sarà più compatibile con i vecchi moduli.

Tuttavia, questo aspetto non riguarda solo il Revo Build ma rappresenta la spada di Damocle che affligge la tecnologia modulare.