google
Sembrerebbe che il mobile friendly per Google sia davvero molto importante, al punto che la stessa Moutain View intende costringere tutti i siti web a creare un tema perfettamente adatto alla versione mobile, evitando quindi sotterfugi quali quello di creare la propria web-app, vediamo i dettagli!

Con i prossimi update del sistema di ranking del motore di ricerca, Google eliminerà tutti i bonus accumulati dai vari siti web che hanno cercato di adeguarsi al nuovo standard del mobile friendly, adottando “l’escamotage” di suggerire a tutti gli utenti la propria web-app prima di accedere al proprio sito web, o addirittura, in alcuni casi, vietare l’accesso agli stessi al fine di poter ottenere download sulla stessa.
Tutto arriva tramite un comunicato di Google, che ha di fatto criticato molto i siti web che attuano la pratica di lanciare il banner “interstiziale” all’utente che utilizza il suo dispositivo mobile Android, iOS o Windows Phone, etichettando questa pratica come sbagliata e contraria a quello che doveva essere lo scopo dell’iniziativa di Mountain View atta a premiare tutti i siti web che si adeguano al mobile.
Attualmente la data fissata per questa sorta di “punizione” è il primo Novembre, quando a detta di Google il sistema di ranking verrà aggiornato introducendo questo piccolo parametro, il quale scansionerà il sito web alla ricerca di questi fastidiosi banner, se trovati, gli stessi faranno perdere al sito web tutti i bonus ottenuti con il precedente algoritmo dedicato alla premiazione dei mobile friendly, insomma, una vera e propria stangata per tantissimi siti web dato che il numero degli stessi che adottano questo stratagemma è abbastanza alto.
Tuttavia Google ci tiene a precisare che non intende negare ai siti web il diritto di creare la propria web app, infatti lo stesso sito web potrà ugualmente pubblicizzare la propria web-app all’utente, ma stando alle nuove direttive, questa pubblicità non dovrà negare l’accesso al sito web, e soprattutto dovrà essere presente all’interno della stessa pagina senza che lo stesso si metta di mezzo tra l’utente e il sito web a cui lo stesso ha effettuato l’accesso!

Leggi anche:  Portal, in arrivo un nuovo gioco della saga Valve per PC e console