amazon-underground

Amazon Underground, la nuova app Android del gigante dell’ e-commerce, è stata rilasciata da poche ore.

Si tratta di un applicativo che si pone come sostituto di Amazon App oltre che dell’ App Store.

La novità più grande di Amazon Underground è proprio nella sezione delle applicazioni.

Al posto del classico App Store c’è uno store di applicazioni per Android dove, più di 10.000 dollari di contenuti, sono proposti in forma totalmente gratuita. D’ora in avanti Amazon ha cambiato filosofia ed i suoi utenti non pagheranno più i contenuti.

Per poter offrire un servizio del genere il gigante statunitense ha proposto agli sviluppatori di affiliarsi con un metodo di retribuzione basato sul tempo di utilizzo delle loro applicazioni. In altre parole, Amazon monitorerà minuto per minuto quanto gli utenti sfruttano un applicativo. In base ai risultati retribuirà poi gli sviluppatori.

Si tratta delle stessa strategia adottata per Kindle Unlimited piuttosto che dai giganti della musica in streaming come Spotify. Gli sviluppatori saranno pagati in base al gradimento (e di conseguenza l’uso) dei propri applicativi.

Leggi anche:  Cyber Monday Amazon, ecco le migliori offerte tech: la nostra selezione

Al momento ci sono già diversi titoli importanti come Star Wars Rebels: Recon Missions piuttosto che Angry Birds Slingshot. Tutti proposti in forma completamente gratuita.

Nessun sistema di acuisti in-app o sponsor sarà previsto per le applicazioni scaricate da Amazon Underground. Il nuovo sistema nasce per sostituire l’ ” app del giorno” proposta gratuitamente quotidianamente sull’ App Store.

La strategia del gigante di Seattle ha come scopo principale quello di convincere gli utenti a passare da Google App Store ad Amazon Underground. In realtà è un po’ presto per parlare di tali risultati soprattutto perché il nuovo sistema di pagamenti ha bisogno di essere testato per capire se può risultare conveniente anche per gli sviluppatori.

Intanto, coloro che volessero provare Amazon Underground, dovranno scaricarla direttamente dal sito web principale perché Google non ammette la presenza di due store per le applicazioni.

Sullo store di Google rimarrà comunque disponibile l’app di Amazon dedicata agli acquisti.

Riuscirà Amazon Underground a creare una ricetta perfetta che renda felici utenti e sviluppatori?