Samsung Galaxy S7
Il Samsung Galaxy S7 potrebbe tornare ad un processore Qualcomm.

Il Samsung Galaxy S7 potrebbe montare il processore Qualcomm Snapdragon 820, sostituendo il precedente Exynos o semplicemente creando due versioni differenti.

Continuano a rincorrersi in maniera incontrollata i rumors riguardanti il Samsung Galaxy S7. Il prossimo top di gamma della marca sudcoreana potrebbe tornare alle origini montando un processore Qualcomm. Tuttavia, si parla della versione più avanzata, lo Snapdragon 820, che non dovrebbe vedere la luce prima del Q1 2016.

Lo sviluppo del Samsung Galaxy S7 va avanti senza alcuna sosta. L’evoluzione del famoso Galaxy S6 dovrebbe essere pronto entro la fine del 2015 anche se, a differenza di ciò che è stato detto circa un mese fa, dovrebbe essere lanciato nel primo trimestre dell’anno prossimo. Tutto ciò proprio perché Snapdragon 820 sarà pronto in quel periodo. Tuttavia, ancora non si sa se saranno diffuse due versioni differenti o meno, con l’altra che dovrebbe montare l’Exynos già presente sugli ultimi dispositivi di punta dell’azienda asiatica.

Leggi anche:  Acquisizione Qualcomm: Google e Microsoft promettono guerra

I test sullo Snapdragon 820 sono stati piuttosto rigorosi a causa di una serie di problemi di surriscaldamento, che in passato hanno colpito anche la versione 810. Proprio per questi inconvenienti, Samsung aveva deciso di non affidarsi a Qualcomm sulle linee S6 e Note 5. Dall’altra parte, Qualcomm sta operando in collaborazione con i suoi partner più stretti, concentrandosi anche sulla potenza e sui consumi. Un equilibrio perfetto che può essere trovato soltanto con un’attenta sperimentazione.

Di certo è ancora molto presto per parlare del Samsung Galaxy S7 e delle soluzioni che verranno adottate dallo smartphone che dovrebbe sfidare l’iPhone 6S. Per maggiori informazioni, bisognerà presumibilmente attendere fino al mese di febbraio 2016.