Foursquare

A più di un anno dalla nascita di Swarm, Foursquare con l’ultima versione di Swarm ha reintrodotto una delle funzioni che la contraddistinguevano prima della divisione (tra Foursquare e Swarm, appunto), ovvero le classifiche, o leaderboard, tra amici in base al numero di gettoni guadagnati con i check-in.

Classifiche
Fonte: blog.foursquare.com

Prima della divisione in due, avvenuta lo scorso anno, Foursquare era un’applicazione unica e completa che aveva rivoluzionato il mondo delle recensioni.

Infatti, l’applicazione social aveva reso un gioco lo scrivere e leggere le recensioni di luoghi e locali. Con i check-in era possibile accumulare punti, sbloccare badge, diventare “sindaci” dei luoghi più frequentati. Questo era il connubio perfetto per favorire la partecipazione delle persone.

Tuttavia, nel 2014 Foursquare si è diviso proprio nel suo punto di forza: Foursquare avrebbe mantenuto l’anima “seriosa” dell’applicazione, ovvero fornire informazioni su luoghi e locali mentre Swarm avrebbe assunto quella “ludica”, ovvero la parte dei check-in con relativa gamification.

Seppure questa divisione fosse mirata a separare i target e aumentare i ricavi, i risultati non hanno propriamente soddisfatto le attese: Foursquare si è un po’ persa nel mare della concorrenza di servizi per le recensioni (tra cui TripAdvisor, per esempio) e per Swarm, invece, si è spenta tra gli utenti la febbre dei check-in.

Leggi anche:  Android: le 5 app da non scaricare per nessun motivo al mondo

Senza entrare nel dettaglio, a dimostrazione di ciò, Foursquare sembrerebbe tornare sui propri passi e infatti, di recente, ha reintrodotto la funzione delle classifiche con la speranza di riaccendere la “scintilla” negli utenti.

In pratica la funzione prevede la generazione di classifiche settimanale tra i propri amici basata sui gettoni guadagnati attraverso i check-in eseguiti. Il numero dei gettoni erogati varia a seconda del luogo e sono previsti bonus per le serie di check-in e per coloro che diventano “sindaci”, ovvero i maggiori frequentatori di un dato luogo.

Tutto ciò torna quindi con l’ultima versione di Swarm, già disponibile per Android e iOS.
Vedremo se questa rispolverata ridarà ossigeno a Swarm o se la “minestra riscaldata” non sarà più così buona.