samsung galaxy note 5

Samsung Galaxy Note 5 è stato presentato, insieme al fido compare S6 Edge Plus, sei giorni fa e abbiamo già analizzato alcune caratteristiche e discusso di cosa ci piace e cosa no. Non si può negare però la qualità della fotocamera degli ultimi Samsung top di gamma Galaxy S6 ed S6 Edge che è rimasta la stessa anche sui due nuovi arrivati ma dietro c’è un lavoro diverso lato software.

Samsung sta svolgendo già da un po’ un lavoro d’alleggerimento del software della fotocamera, eliminando diverse modalità, il più delle volte inutili, in favore di qualche funzione in grado di sfruttare appieno le peculiarità del sensore montato. Un’ottima cosa per Samsung Galaxy Note 5 e S6 Edge Plus

La casa coreana migliora il software che gestisce la fotocamera del Samsung Galaxy Note 5 e S6 Edge Plus rispetto ai suoi precedenti top di gamma, consentendo all’utente maggiore scelta nelle impostazioni

STREAMING VIDEO
Ad esempio, il Samsung Galaxy Note 5 si arricchisce della funzione di Broadcast dei video che ci consente di collegarci immediatamente al nostro account YouTube e trasmetterli in estrema facilità. A dir la verità, la procedura di autenticazione non è ancora il massimo della comodità: chi ha avuto modo di provarla ha notato qualche difficoltà con il login su YouTube; al secondo tentativo è poi andato tutto per il migliore dei modi. Successivamente, l’utilizzo della funzione direttamente dall’applicazione fotocamera è assolutamente utile, comoda ed intuitiva; è data anche la possibilità di scegliere se condividere con il pubblico il nostro streaming oppure solamente con alcuni utenti invitati. Di default, i video non sono salvati nella memoria del telefono ma solo su YouTube alla fine dello streaming; è inoltre possibile impostare alcuni parametri del video.

COLLAGE VIDEO
A primo impatto si potrebbe pensare ad una funzione sulla falsariga di quelle inutili fatte fuori di recente ma, stando alle considerazioni di chi l’ha provata, potrebbe fare breccia nel cuore degli utenti. Il collage di diversi video permette di inserire, all’interno del video, anche della musica come sottofondo e di regolare il volume. Terminato il lavoro, pronti in prima fila per condividere la creazione sui social network più famosi.
samsung galaxy note 5

Leggi anche:  Samsung Galaxy S9, conferme per una fotocamera rivoluzionaria

SALVARE UNA FOTO IN RAW
Dopo LG G4, anche Samsung arriva all’appuntamento con i file RAW. È possibile salvare i nostri scatti sia in JPG che in DNG. Un’opportunità in più che sicuramente sarà apprezzata dagli amanti della fotografia ma che va a scontrarsi con il fatto che Samsung Galaxy Note 5 e S6 Edge Plus non possono accogliere una microSD per espandere la memoria interna, di conseguenza il peso di un file RAW diventa un parametro che va considerato prima di scegliere il formato con cui archiviare i nostri scatti.
samsung galaxy note 5

RALLENTARE LA VELOCITÀ DELL’OTTURATORE
Samsung ha leggermente potenziato i controlli manuali in modalità Pro; ora è possibile controllare la velocità dell’otturatore sia su Samsung Galaxy Note 5 e Galaxy S6 Edge Plus. È impostato di default in maniera automatica ma è settabile in una scala che parte da 1/24000 fino a 10 secondi.
samsung galaxy note 5

MAGGIORI CONTROLLI ISO
Samsung Galaxy Note 5 e S6 Edge Plus guadagnano anche la possibilità di configurare il parametro ISO. La scala parte da un valore di 50 fino a 800, permettendo anche scelte intermedie.
samsung galaxy note 5