23BCA4F800000578-3203372-image-a-86_1439986239265

I tempi cambiano, anche per l’affascinante agente segreto britannico James Bond. Il quale potrebbe presto ritrovarsi a guidare una versione elettrica della sua mitica Aston Martin. La casa automobilistica ha infatti annunciato investimenti in tal senso.

Il CEO della famosa casa automobilistica Aston Martin, Andy Palmer, ha rivelato al portale Automotive News che è in cantiere una nuova versione eco-friendly della mitica Rapide. Ciò per competere con la rivale Tesla, che costruisce auto elettriche di grandi prestazioni.

Tuttavia da Palmer non sono emersi ulteriori dettagli sul progetto, ma pare che sarà molto più costosa dei modelli Tesla, oscillando tra i  200.000 e i 250.000 dollari. Infatti, il modello P90D di Tesla costa molto meno, circa 142,000 dollari. Certo, non bruscolini.

Il modello che la Aston Martin vorrebbe trasformare in veicolo elettrico è la DBX. Dovrebbe essere a quattro porte e 4×4, ma non si esclude una più sportiva a due. Con questa nuova DBX, la Aston Martin punta a fare breccia in Russia e Cina.

L’auto comunque non dovrebbe vedere la luce prima del 2020. Pertanto, per ora, l’agente 007, sempre attorniato da conturbanti donne, dovrà accontentarsi di guidare un’auto tradizionale. Sempre ovviamente super sportive e accattivanti.

Nel prossimo film, Spectre, gli toccherà una DB10. Certo, non una macchinetta. James Bond sarà ancora interpretato da Danial Craig, che essendo biondo con gli occhi chiari, ha interrotto un canone estetico che durava dagli anni ’60. La pellicola è stata anche girata a Roma, con qualche problema. Peccato non poterlo già vedere con una nuova Aston Martin rispettosa dell’ambiente. Sarebbe stato un altro utile messaggio in tal senso.