Google
Google presenta il Project Sunroof

Google non smette mai di stupirci con le sue grandi potenzialità e ancora una volta dimostra quanto l’innovazione possa essere un elemento chiave per le esigenze degli utenti. Il colosso di Mountain View presenta il Project Sunroof, uno strumento che consente agli user di calcolare il potenziale di energia solare che potrà produrre la loro abitazione.Google ha annunciato il suo ultimo e innovativo progetto “Sunroof” che consentirà agli utenti di calcolare l’energia solare che potenzialmente potrebbe produrre il tetto della loro abitazione e calcolare anche il risparmio generato dall’installazione dei pannelli solari.

 

Google Project Sunroof: ecco come funziona

Il Project Sunroof di Google è attualmente attivo in tre città degli Stati Uniti: San Francisco Bay Area, Fresno e Boston.

Per poter determinare il quantitativo di energia solare generata dal tetto di un’abitazione basterà inserire l’indirizzo della casa sul sito dedicato al progetto e Big G indicherà il potenziale di energia prodotta ogni anno, quali zone dell’abitazione avranno il massimo del rendimento, calcolerà lo spazio per i pannelli solari e soprattutto determinerà quanto denaro si risparmia nel tempo.

Leggi anche:  Raccolta illegale di dati personali: Google sott'accusa

Google spiega che per il Project Sunroof viene sfruttata una parte del database di Maps fin ora non utilizzata e la riproduzione delle immagini delle abitazioni è in 3D affinché Big G possa ottenere risultati il più possibile attendibili. Si pensi che nel processo di determinazione del potenziale di energia solare prodotta da un tetto Google prende in considerazione eventuali zone d’ombra generate da alberi o da strutture vicine e anche la nuvolosità media della zona.

Questo è il video di presentazione del Google Project Sunroof.

Lo sviluppo delle energie rinnovabili viene sempre di più incentivato e Google con il suo Project Sunroof potrebbe contribuire notevolmente offrendo agli utenti un’indicazione abbastanza precisa su quanto effettivamente potrebbero risparmiare.

Speriamo proprio che il colosso di Mountain View decida di avviare questo progetto anche nei nostri paesi, siamo proprio curiosi di provarlo. E voi?