smartphone

Le vendite globali di smartphone hanno visto un’ulteriore impennata nel Q2 2015, grazie soprattutto ai mercati emergenti e al rilascio di nuovi top di gamma.

Secondo uno studio condotto da GfK, le vendite di smartphone nel secondo trimestre del 2015 sono cresciute del 5% rispetto al trimestre precedente, con un totale di 302.1 milioni di unità vendute. I vari venditori hanno raggiunto in totale un guadagno di circa 92.4 miliardi di dollari, un bel passo in avanti rispetto agli 86 miliardi dello stesso trimestre dello scorso anno.

Q2-2015-smartphone-sales-and-value

La crescita più grande in termini di vendite arriva dai paesi emergenti asiatici e dal Medio Oriente, con una crescita del 20% rispetto allo scorso anno. Il mercato nordamericano ed europeo hanno visto invece una crescita del 10% rispetto al 2014. Un po’ a sorpresa, la Cina delude nel mercato degli smartphone, con un abbassamento delle spedizioni del 10% rispetto al Q2 2014: sembra dunque che la corsa ai modelli low cost sia attualmente in stallo.

In termini di guadagni, invece, la Cina e il Nord America hanno visto la crescita più grande mai registrata, con un incremento rispettivamente del 17 e del 19%. GfK suggerisce che questa crescita sia dovuta alla domanda sempre più in aumento di smartphone top di gamma, dove i margini di guadagno sono decisamente maggiori. Il mercato high end cinese è in continua crescita insieme al progresso economico del Paese, mentre smartphone premium come il Galaxy S6 Edge continuano a portare ingenti guadagni in mercati come gli USA.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S8: ecco gli ultimi aggionamenti sull'upgrade ad Android Oreo

Il mercato degli smartphone mid-range da 250 a 500 dollari è invece in declino in America. La qualità degli smartphone low-cost, come per esempio l’ottimo Moto E, ha continuato a migliorare e ha visto una forte domanda negli USA, portando ad un abbassamento della richiesta e delle vendite dei device medio gamma. Lo stesso accade in Europa, dove i consumatori preferiscono un buon device low cost ad uno di fascia media.

In definitiva sembra che il mercato high end non sia in stallo come si poteva pensare, e gli smartphone top di gamma continuano a restare quelli che portano più profitti alle varie aziende, in primis Apple e Samsung.