android
Si tratta di una delle più popolari tecnologie di compressione, parliamo dei file zip, archivi strutturati e pensati al fine di poter ospitare al loro interno più file e ovviamente, occupare il minor spazio possibile, vediamo come gestirli su Android!

Come potete intuire, vi sono varie app che arrivano in nostro soccorso, e ovviamente, dovremo scegliere quella più adatta alle nostre esigenze. I meno giovani ricorderanno certamente il vecchio e caro WinZip, disponibile attualmente per iOS ed Android, è una delle migliori soluzioni, ma anche uno dei più semplici ed immediati da utilizzare, basterà infatti installare lo stesso e tramite il comodissimo file manager, integrato nella app, cercare i files compatibili con la app.

Altra applicazione, più giovane ma altrettanto valida, è iZip, disponibile come sempre sia su Android che su iOS, è una validissima alternativa al più popolare WinZip, essa offre numerose funzioni che vanno anche ben oltre il compito di gestione dei file compressi, come ad esempio l’integrazione con i servizi cloud più comuni.

Leggi anche:  Android raccoglie dati sulla posizione anche con la localizzazione disattivata

Vi sono anche altri tipi di applicazioni atte alla gestione di files compressi, alcune delle quali abbastanza poco conosciute ma molto valide, è il caso di AndroZip from AVG, o ad esempio Cabinet ed Amaze, queste applicazioni sono davvero molto valide, alcune di esse totalmente gratuite, ma soprattutto consentono una gestione perfetta per tutti i nostri file compressi, ovviamente, starà all’utente finale decidere quale delle app farà al caso suo e scaricare la stessa sul proprio dispositivo.
Come potete intuire, rilasceremo il download delle app descritte in precedenza a fine articolo!
[app]com.winzip.android[/app]
[app]com.comcsoft.izip[/app]
[app]com.agilesoftresource[/app]
[app]com.afollestad.cabinet[/app]
[app]com.amaze.filemanager[/app]