pentagono
Come sappiamo un paio di settimane fa il capo-staff del pentagono ha bloccato l’email di tutti gli utenti per “attività sospette”, sembrava tutto finito, ma vi sono sviluppi!

A distanza di circa due settimane, una email proveniente da fonti anonime avrebbe avvisato la NBC e The Daily Beast, che gli investigatori del pentagono avrebbero avuto il sospetto (poi confermato) che il sistema interno fosse stato compromesso da un attacco informatico il quale sarebbe stato con molta probabilità di origine russa.

Tutto sarebbe stato studiato attraverso un software, o meglio, uno script automatizzato in grado di catturare tutti i dati in transito all’interno della rete interna del pentagono, uno spyware capace di rubare informazioni sensibili e di interesse nazionale, insomma, davvero un enorme problema per quanto riguarda la sicurezza, ma la cosa più terribile, è che lo stesso script sembrasse utilizzare le stesse identiche tecnologie trafugate all’Hacking Team, l’azienda milanese che come ricordiamo qualche mese fa ha subito un gravissimo attacco informatico.

Attualmente non vi sono molte conferme in merito, come sappiamo moltissime delle informazioni riguardanti la sicurezza nazionale americana difficilmente vengono divulgate, tuttavia la situazione sembrerebbe abbastanza grave e che soprattutto il sistema di sicurezza del pentagono andrebbe rivisto al fine di evitare ulteriori problemi simili.
Le fonti interne del pentagono avrebbero affermato che attualmente il tutto è tornato sotto controllo, la minaccia è stata rimossa dai sistemi e presumibilmente entro fine settimana i sistemi torneranno online, tuttavia, resteremo ugualmente con il dubbio e con il timore che sia stata davvero la Russia a scatenare un piccolo attacco hacker al fine di tener sotto controllo gli USA.