stalking deli operatori telefonici

Si chiama telemarketing, si traduce in continue e fastidiose chiamate da parte di call center che non vogliono sentire ragioni, ti devono per forza di cose enunciare l’ultima strabiliante offerta, generalmente telefonica. L’insistenza si potrebbe trasformare in stalking degli operatori configurandosi un reato.

In molti casi non ci si fa caso anche perché i call center sono spesso e volentieri l’approdo di molti giovani e meno giovani che non trovano altro lavoro. Lavora tra l’altro sotto pagato e con ritmi anche sostenuti. È anche vero che poi succede anche di essere tempestati di telefonate e qualche volta capita anche che gli operatori del call center siano maleducati, probabilmente indispettiti ed esauriti dai continui rifiuti e insulti che ricevono ogni giorno.

Continue e fastidiose chiamate da parte di call center

Quando la situazione diventa insostenibile e si ricevono anche fino a 20 chiamate al giorno, la situazione cambia e si profila un vero e proprio reato. “Chi effettua telefonate ripetute ed insistenti – afferma l’Unione Consumatori – senza il consenso degli utenti che le ricevono, commette il reato di molestia o disturbo della persona, previsto dall’articolo 660 del Codice Penale punibile con l’arresto fino a sei mesi”.

Leggi anche:  Noia call center, vi mostriamo come dire addio alle chiamate pubblicitarie

Per contrastare il fenomeno è possibile iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni che provvederà, dopo una semplice procedura, ad inserire la numerazione indicata in un registro che “dovrebbe” (il condizionale è d’obbligo) garantire la cessazione delle chiamate dai call center.

Nel caso dovessero continuare bisogna assicurarsi che l’iscrizione sia andata a buon fine o che non sia stato dato il consenso a terze parti. “Invitiamo tutti i cittadini vittime di tale fenomeno – conclude l’Unione Consumatori –  a denunciare quanto subiscono alle forze dell’ordine e ad informarne la nostra associazione per richiedere eventualmente il risarcimento dei danni esistenziali”.

Anche quello telefonico si può definire stalking se è ripetitivo, molesto e arreca disturbo alla persona. Come reato, dunque, è punibile dalla legge. Sul sito del Registro delle Opposizioni è indicato come procedere in caso si voglia denunciare un qualunque operatore telefonico o azienda che fa abuso delle chiamate da call center.