dot

Al primo impatto, Dot ha tutte le carte in regola per essere uno smartwatch qualsiasi, con le fattezze di un Fitbit: Bluetooth 4.0, orologio, sveglia, funzioni di navigazione ed anche messaggistica. In realtà Dot è molto di più rispetto a tutto ciò: Dot è il primo pensato e prodotto appositamente per i non vedenti, in quanto è il primo al mondo ad adoperare il sistema di lettura e scrittura Braille.

Di sicuro un prodotto rivoluzionario. Dot è dotato di un sistema composto da una serie di punti che si regolano in base alle esigenze dell’utente e fornisce informazioni semplicemente toccando la parte superiore dello smartwatch. Questo sistema aiuta i non vedenti anche nella lettura di ebook, in modo tale da non doversi dotare di costosi ebook reader che sfruttano questo sistema di lettura e scrittura.

Molte caratteristiche simili alla concorrenza ma Dot ha la particolarità di utilizzare il sistema di lettura e scrittura Braille per non vedenti

dot

Dot dovrebbe essere commercializzato al prezzo di (circa) 300 dollari, le prevendite inizieranno nel corso di questo anno. L’autonomia è stimata intorno alle 10 ore, quindi garantirebbe ottime sessioni di lettura. Altra feature da segnalare per questo ottimo prodotto è la presenza di un sistema d’apprendimento del Braille, dato che negli Stati Uniti D’America solo il 10% dei non vedenti conosce attualmente questo modo di leggere e scrivere; nel Regno Unito va ancora peggio: solo 1%.

Leggi anche:  Android Wear 8.0 Oreo: Google comunica la lista degli smartwatch che riceveranno l'update

E’ assolutamente di vitale importanza creare prodotti pensati, nel miglior modo possibile, per persone che hanno modalità diverse nell’interfacciarsi col mondo reale, e quindi anche e soprattutto con internet. L’ideatore di Dot, nonché CEO, Eric Ju Yoon Kim ha recentemente dichiarato: “Il sistema di lettura e scrittura Braille ha come fine il donare alle persone non vedenti la possibilità di accedere alle informazioni quotidiane che riguardano la loro vita, attraverso le dita. In questo senso, Dot è un’ancora di salvezza per loro”.