android
Una piccola sezione appena apparsa sulla sezione del sito web di Google dedicato al supporto Android, potrebbe presto rivoluzionare la sicurezza del nostro robottino verde, vediamo i dettagli!

Tutto si baserebbe su un controllo effettuato a ciclo continuo sul proprio smartphone attraverso una piccola feature indipendente dalla rom dello stesso, questo controllo sarebbe non modificabile da alcun agente esterno, e soprattutto, sarebbe in grado di identificare vari scenari che potrebbero verificarsi durante l’utilizzo del nostro dispositivo, quale ad esempio un SO diverso da quello originale, un So corrotto, o l’impossibilità di controllare se il sistema in questione sia autentico o corrotto da malware.
Come potete intuire, il sistema si baserà sul mostrare all’utente 3 messaggi appartenenti a tre classi di “allarme” ben distinte tra loro, questi messaggi non saranno “stressanti”, infatti verranno mostrati solo ad ogni accensione del dispositivo e ovviamente, potranno essere disabilitati mediante la pressione del tasto power dello stesso device o in alternativa, tramite appositi tasti virtuali rimandando il nuovo avviso alla prossima riaccensione del terminale.
Ma quali saranno gli allarmi in questione?
Come detto prima saranno tre, e verranno rappresentati da Rosso, il più grave, il quale entrerà in scena solo ed esclusivamente per avvisarci che il nostro sistema è corrotto, modificato o infettato da un malware, che non bisogna fidarci e che soprattutto dovremo provvedere ad un ripristino o comunque prendere provvedimenti al fine da evitare che lo stesso sistema faccia danni indesiderati. Arancione, riguardante un pericolo intermedio, ossia, l’impossibilità di controllare se il nostro dispositivo è corrotto, presumibilmente a causa di una modifica del botloader o comunque a causa di errori interni al sistema operativo, in questo caso dovremmo far bene a non fidarci del dispositivo, tuttavia, dovremmo provare a ripristinare il controllo in qualche modo, ed in fine, il Giallo, questo messaggio è il meno grave, ed entrerà in scena principalmente per segnalare agli utenti sistemi contraffatti, non originali, o magari, per dire agli stessi che quel device è un clone in quanto il sistema operativo non è certificato da Google, ovviamente, lo stesso potrebbe intervenire anche in casi di rom non ufficiali.

Leggi anche:  Samsung regala un viaggio a Bora Bora, un Galaxy Note 8, una TV e tanto altro

Attualmente non abbiamo idea di quando questi nuovi sistemi entreranno in scena, tuttavia possiamo ipotizzare che le prossime versioni Android ne saranno dotate!