frode app
frode app

Il 15 per cento delle app per smartphone contiene pubblicità nascoste. Queste non solo risultano fastidiose, ma possono consumare il traffico dati, scaricando rapidamente la batteria. Sono, dunque, numerosissime le applicazioni per dispositivi Android, iOS e Windows che scaricano di continuo messaggi pubblicitari nascosti.

Risultano, purtroppo, invisibili agli utenti queste pubblicità nascoste che, senza che ce ne accorgiamo, sono in grado di consumare fino a 2 GB di dati al giorno.

La “denuncia” è stata riportata in un articolo apparso sul Wall Street Journal, secondo il quale sarebbero circa 12 milioni gli smartphone infetti ai danni di aziende e privati. Questi pagano, infatti, le visualizzazioni credendo nella loro autenticità, facendo ammontare le spese intorno al miliardo di dollari. E solo per questo 2015 (non ancora concluso).

Dalle prime verifiche eseguite, sono state rilevate ben 5 mila applicazioni sospette, scaricate da 12 milioni di persone sparse tra l’Europa, l’Asia e l’America. “Queste app fraudolente generano traffico attraverso le principali piattaforme di scambio di banner pubblicitari, con oltre 1100 connessioni al minuto“, si legge. “I programmi nascosti al loro interno simulano dei click random, e connettono il telefono alla pagina degli inserzionisti senza che l’utente lo sappia. In totale il 14,64% delle app che abbiamo testato era ad alto rischio per questo tipo di frode“.

Leggi anche:  Android e l'ennesima fuga di dati personali attraverso un app