Android fa pipì su logo Apple
Android fa pipì su logo Apple

Google Map Maker riaprirà i battenti ai primi di agosto, dopo una “sospensione” temporanea subita per aver modificato il robot Android nell’atteggiamento inequivocabile di chi fa pipì sul logo della AppleLo strumento, che permette alle persone di apportare modifiche a Google Maps, darà ora ai suoi utenti la possibilità di moderare tali modifiche e di essere ancora più incisivi sul servizio.

Map Maker sarà riaperto, dunque, il prossimo mese. Il rollout vedrà alcuni collaboratori, provenienti da diversi paesi, diventare veri e propri “maker” regionali. Una volta selezionate, le modifiche apportate in una regione saranno esaminate da sistemi automatizzati di moderazione, sia di Google e che del paese interessato. Gli operatori di Google, quindi, apporteranno solo alcune moderazioni alle modifiche di queste aree. “I nostri fedeli utenti potranno riconoscere che si tratta di una nuova partenza dal modo in cui abbiamo operato in passato, quando la maggioranza delle modifiche erano esaminate dagli operatori di Google“, ha dichiarato Pavithra Kanakarajan.

La ragione di questo cambiamento è che, ogni qualvolta si verificavano atti di “vandalismo” sulla mappa, molti utenti hanno cercato di rimuovere tempestivamente la funzionalità incriminata. “Siamo giunti alla conclusione“, si legge ancora nel comunicato, “che tutte le difese disponibili per mantenere le mappe pulite, nell’interesse della comunità di utenti, debbano essere tra le più affidabili e veloci”.

Era lo scorso maggio quando Google Map Maker fu sospeso a causa di una modifica inserita Rawalpindi, in Pakistan, che raffigurava la mascotte robotica Android fare pipì sul logo Apple. All’epoca, il sistema di approvazione era immediato. Ovvero, si diventava utenti fidati dopo un totale di modificate andate a buon fine.

I bontemponi, quindi, sono avvisati.