huawei

Huawei Honor 7, l’ultimo top di gamma presentato dall’azienda cinese è stato fatto completamente a pezzi. Di solito sono i ragazzi di iFixit a pensarci, ma questa vota sono stati battuti sul tempo dai loro colleghi cinesi.

Huawei ormai rappresenta un punto di riferimento per il mercato degli smartphone per i produttori cinesi, basti pensare che pur non avendo ufficialmente una versione italiana del firmware riescono comunque ad avere un buon volume di vendite anche nel nostro Paese. Le recensioni del Huawei P8 e Huawei P8 Lite ci hanno confermato la bontà del lavoro portato avanti dall’azienda che ormai possiamo tranquillamente definire popolare in tutto il mondo.

Sulla scia di questo successo si manifestano fenomeni quali lo smontaggio pezzo per pezzo dello smartphone da parte di chi vuole mostrare che anche l’interno, e non solo l’esterno, è realizzato in modo qualitativamente elevato. In genere a questo tipo di trattamento sono destinati gli smartphone più famosi e a smontare il mal capitato device ci pensano i ragazzi di iFixit ormai famosi proprio per questo. Questa volta, invece, sono stati battuti dai loro omologhi cinesi.

Caratteristiche principali del Huawei Honor 7:

  • Android 5.0 Lollipop con interfaccia EMUI 3.1;
  • Display da 5,2 pollici Full HD;
  • Processore Huawei Kirin 935 octa core a 2,2 GHz;
  • 3 GB di RAM;
  • 16/64 GB di storage interno espandibile con micro SD;
  • fotocamera posteriore da 20 MP;
  • fotocamera anteriore da 8 MP;
  • Dual SIM e connettività LTE;
  • Sensore di impronte digitali;
  • Batteria da 3100 mAh.

L’indistruttibile Honor 7 è stato fatto a pezzi, vediamo le varie fasi di smontaggio nella galleria fotografica seguente: