Snapdragon 820Dopo i risultati deludenti ottenuti dallo Snapdragon 810, Qualcomm è pronta a rilasciare la nuova generazione del processore top di gamma, lo Snapdragon 820. In rete sono già emersi i primi risultati benchmark di questo chip, che ci mostra in soldoni quanto sarà più potente del suo predecessore.

In seguito a tutti i problemi di surriscaldamento che affliggono praticamente tutti i dispositivi dotati di uno Snapdragon 810, era scontato che gli occhi e le attenzioni di tutti sarebbero stati subito rivolti al suo successore, lo Snapdragon 820. Proprio l’altro giorno, infatti, sono emersi in rete i primi rumors riguardo questo nuovo chip, che sarà costruito con un’architettura a 64 bit, una serie di core chiamati Kyro e un clock pari a 3 GHz.

Lo Snapdragon 820 dovrebbe essere prodotto utilizzando la tecnologia a 14 nanometri di Samsung, lo stesso processo con cui il colosso coreano realizza il suo Exynos 7420, il SoC top di gamma che anima i recenti Galaxy S6 ed S6 Edge. Questo atteso chip, che si spera metterà una pietra sopra tutti i problemi causati dallo Snapdragon 810, è stato già testato tramite Geekbench e i risultati sono subito emerso in rete.

Leggi anche:  Vivo potrebbe finalmente approdare in Europa grazie a Qualcomm

Si è scoperto infatti che lo Snapdragon 820 ha realizzato un risultato in single-core pari a 1732 punti, mentre in multi-core pari a 4970 punti. Il primo risultato è riuscito a battere il risultato in single-core dell’Exynos di Samsung, che ha totalizzato 1486 punti sul Galaxy S6, oltre ovviamente allo stesso risultato ottenuto da uno Xiaomi Mi Note Pro con Snapdragon 810 (1227 punti).

E’ nel multi-core però che lo Snapdragon 820 delude: nonostante si tratti di un chip di nuova generazione, i 4970 punti non hanno battuto i 5284 punti in multi-core ottenuti dal chip di Samsung e del Galaxy S6. I primi produttori ad utilizzare questo nuovo processore saranno HTC, LG e Sony, e i primi dispositivi sono attesi già per questo autunno.

Riuscirà Qualcomm a risollevare il proprio nome dopo un inizio di 2015 veramente disastroso?