Xiaomi
Xiaomi avrebbe intenzione di rimuovere il caricabatterie dalle sue confezioni di vendita.

Xiaomi, nota marca cinese di telefonia, starebbe pensando di rimuovere il caricabatterie dalle confezioni dei suoi prossimi smartphone.

Xiaomi è un’azienda cinese che sta vivendo una fase di profonda espansione anche nel continente europeo grazie a dispositivi mobili di ottima qualità e dai prezzi contenuti. La società non è nota soltanto per i suoi buoni prodotti, ma anche per alcune idee del tutto particolari. Qualche tempo fa, ci siamo chiesti perché Xiaomi prova una profonda avversione nei confronti delle schede microSD. Adesso, i quesiti da fare sono altri e riguardano un elemento indispensabile per un qualsiasi cellulare, cioè il caricabatterie.

Secondo quanto affermato sull’account di Weibo dell’amministratore delegato di Xiaomi Lei Jun, l’azienda avrebbe intenzione di non inserire più nelle confezioni dei suoi smartphone il caricabatterie. Inoltre, è stato chiesto ai seguaci della marca se continuassero a supportarla nel caso in cui venisse intrapresa tale misura. Secondo quanto riferito dal CEO, la maggior parte degli utenti avrebbe comunque la necessità di acquistare un caricabatterie aggiuntivo rispetto a quello fornito in dotazione.

Leggi anche:  Xiaomi Mi 6 in versione 4GB di RAM disponibile a partire da sabato 11 novembre

Un’opzione che già fa discutere, dato che la maggior parte degli possessori di un device Xiaomi si è detta contraria. L’azienda ha anche parlato di “forti benefici per l’ambiente”, ma gli utenti non credono a questa versione dei fatti. Piuttosto, si ritiene che il desiderio di rimuovere il caricabatterie sia dettato per la maggior parte dall’obiettivo di contenere i costi di produzione.

Nonostante le numerose opposizioni, Xiaomi non sembra avere intenzione di eliminare la possibilità che tale mossa venisse adottata in un futuro più o meno prossimo. Tuttavia, l’azienda ha anche affermato che i caricabatterie potranno essere offerti in qualità di accessori opzionali.