amd project quantum

AMD ha preparato un mini pc destinato ad un pubblico amante del gaming e della realtà virtuale: si chiama Project Quantum e si presenta come un prodotto rivoluzionario, dal design accattivante.

AMD Project Quantum è composto da una doppia camera che da l’illusione di vederne una galleggiare sull’altra; quella in alto contiene tutto il sistema di raffreddamento, che è ad acqua. In basso abbiamo l’hardware: CPU e GPU sono ricoperte da blocchi di rame che salgono al centro lungo la congiunzione delle due camere fino a quella superiore dove risiede un radiatore sovrastato da una ventola, entrambi grandi quanto il telaio del mini pc.

AMD Project Quantum è un prototipo ma fa già parlare di sé grazie al suo stile innovativo ed al comparto video molto potente

Una nota particolare riguarda il processore: ne hanno installato uno della concorrenza, un Intel precisamente, ma non è una novità (ad esempio Apple utilizza componenti prodotte da Samsung).
Il comparto GPU, invece, è il vero punto di forza di AMD Project Quantum: la Radeon R9 con le sue due GPU Fiji XT e 17 teraflops di potenza in elaborazione garantisce un’esperienza virtuale al top. Tutto ciò in uno spazio ridotto come può essere ottenuto? Senza molti problemi, visto che la scheda video è di poco più grande della scheda madre ASRock mini-ITX presente sul fondo della prima camera. Un’altra motivazione risiede nell’impiego delle HBM (memorie ad elevata larghezza di banda), su cui AMD coopera con Hynix dal 2013; esse permettono l’impiego di memorie più compatte (inferiori anche del 65%) e richiedono anche meno potenza. In ultima istanza, l’ingombro si può ridurre spostando all’esterno l’alimentatore, in un box che è ovviamente collegato a tutto l’hardware ma che è a parte.

Leggi anche:  Google e Intel collaborano: sviluppato il co-processore degli ultimi top di gamma

AMD Project Quantum per adesso è un prototipo, non si sa nulla della sua messa in commercio, non si sa a che mercati è destinato e neanche quando costerà; nel frattempo AMD ce lo mostra in un video che vi consiglio di vedere.