Asus
Secondo alcune voci, Asus sarebbe pronta a rilevare le quote di HTC.

HTC non sta passando un grande momento e Asus starebbe pensando di approfittarne, cercando di acquisire l’azienda di Taiwan.

HTC sta vivendo una fase di difficoltà. Nei mercati azionari, il titolo della marca taiwanese di telefonia mobile è in costante ribasso, specialmente dall’uscita del top di gamma One M9. In una situazione di questo tipo, Asus avrebbe intenzione di scendere in campo per potenziare il proprio brand grazie ad un’operazione finanziaria molto importante.

Infatti, Asus avrebbe intenzione di acquisire le quote azionarie di HTC, dando vita ad un rinnovamento del proprio marchio. Ancora non si hanno certezze assolute sull’apertura di possibili trattative, anche se i rumors iniziano a rincorrersi e si fanno sempre più insistenti. Reuters, una delle agenzie di stampa più importanti, ha riportato alcune dichiarazioni di David Chang, il CFO di Asustek, che ha parlato di una lontana possibilità da parte del presidente Johnny Shih di effettuare tale operazione di mercato.

Dall’altra parte, lo stesso “numero uno” di Asus starebbe seriamente riflettendo sull’acquisizione di HTC. La sua azienda “prenderà in considerazione le intenzioni di tutte e due le parti e valuterà la correttezza e la sinergia di una strategia di questo tipo”. Gli elementi per tramutare tali indiscrezioni in una notizia vera e propria sono ancora insufficienti, anche se la realtà si vedrà con il passare del tempo.

Leggi anche:  Ammirate la bellezza di HTC U11+ in questo primo photo tour!

Chang ha anche sottolineato l’importanza che Asus ha sempre attribuito alla cosiddetta “crescita organica”, corrispondente ad un incremento del fatturato dovuto ad un miglioramento dei prodotti. Di conseguenza, la “crescita esterna”, cioè quella relativa all’acquisto e all’implementazione di altre società, viene messa in secondo piano.

A partire dallo scorso mese di marzo, periodo in cui HTC ha lanciato il suo One M9, l’azienda di Taiwan ha fatto segnare un crollo delle sue azioni in borsa di circa il 50%. Per correre ai ripari, è stata costretta a tagliare la produzione del suo top di gamma del 30% e starebbe pensando alla realizzazione di un nuovo smartphone per il prossimo mese di ottobre. Una situazione di stallo dalla quale Asus vorrebbe trarre giovamento, magari scegliendo il momento giusto per lanciare un’offerta di acquisto.