sony
Come sappiamo, l’USB Type-C è il nuovo standard per le famose porte di connessione tra dispositivi, uno standard che sta lentamente spopolando tra tutti i produttori, eccetto Sony. Vediamo perché!

Secondo Takeshy Nitta, Program Manager della divisione mobile di Sony, l’industria richiede molto più tempo per “mitigare” questo nuovo tipo di connettore, quindi presumibilmente l’azienda evitarà di includere il nuovo standard nei suoi devices futuri, complice anche e soprattutto la non totale compatibilità di questo standard con i precedenti.

Par quanto riguarda il suo Xperia Z3+, un top di gamma, Sony ha dichiarato che nonostante il nuovo standard USB faciliterebbe lo sviluppo di un device ultrasottile, la compagnia preferirebbe lavorare sulla riduzione dello spessore della camera e del display, così da ottenere ugualmente il suo scopo finale, senza contare anche che il nuovo standard non offrirebbe prestazioni abbastanza alte, escluse quelle energetiche, tali da giustificare un passaggio così veloce.

Semplicemente Sony preferisce aspettare che tutti gli altri produttori si adeguino prima di fare questo passo, così da entrare in un mercato già totalmente compatibile con queste nuove porte USB, e soprattutto, preferisce farlo quando la stessa USB avrà prestazioni abbastanza alte.

Leggi anche:  Google Pixel 2 XL porta ancora problemi: molti ordini italiani improvvisamente cancellati

Ci sarebbe tuttavia da analizzare che questo rifiuto di passare alla nuova tecnologia potrebbe davvero toccare da vicino noi utenti in quanto la nuova USB Type-C offre amperaggi e voltaggi di gran lunga superiori rispetto alla precedente: questo potrebbe garantire uno smartphone capace di ricaricarsi decine di volte più velocemente, ovviamente solo ed esclusivamente se dall’altro lato vi è un dispositivo che supporta tale standard. Nonostante vi siano state intenzioni da parte di Google di spingere davvero tanto su questo standard, al punto che sarà integrato nei nuovi Chromebook, per quanto riguarda Sony ci sarà da aspettare ancora un po’.