asus

Il mese di Maggio è stato un mese molto proficuo per Asus, che ha visto le proprie entrate aumentare vertiginosamente grazie alla vendita degli smartphone.

E’ ormai da diversi anni che Asus vende dispositivi Android. Diventata famosa grazie ai vari Transformer Pad, tablet convertibili in veri e propri netbook grazie alla tastiera removibile, l’azienda solo recentemente ha cominciato a spingere il mercato verso i propri smartphone. La prima generazione di ZenFone ha venduto discretamente, grazie al processore Intel Atom e una scelta varia per le dimensioni del display.

All’inizio di quest’anno Asus ha annunciato la seconda generazione di ZenFone, chiamata ZenFone 2. I primi dispositivi di questa generazione sono basati sul SoC Intel Atom, con un clock che va da 1.6 GHz dual core per gli entry level fino a 1.8 GHz quad core per i mediogamma, finendo con i 2.3 GHz quad core del top di gamma con 4 GB di memoria RAM. Recentemente l’azienda ha anche annunciato lo ZenFone Selfie, un dispositivo con una dual camera di alto livello per scattare selfie di ottima qualità. Tutti questi dispositivi offrono grandi performance ad un prezzo competitivo.

Leggi anche:  Asus ZenFone 3 Max ad un prezzo irrinunciabile su Amazon Italia

Ed è proprio la combinazione di ottime performance e prezzo competitivo che ha portato ad Asus un bilancio più che positivo per il mese di Maggio 2015. L’azienda ha infatti venduto 1.5 milioni di dispositivi in un solo mese, numero che dovrebbe salire a 2 milioni nel mese di Giugno grazie allo ZenFone Selfie. A parte la linea di smartphone, Asus si aspetta di vendere tra gli 8 e i 10 milioni di tablet quest’anno, grazie anche alla nuova generazione basata sui processori Intel Atom.

Sembra dunque che il 2015 sia iniziato più che bene per Asus, che sempre di più spinge sui propri smartphone. Che la tattica del prezzo competitivo sia effettivamente utile ai fini del guadagno?