windows 10

Molti non saranno dispiaciuti nel vedere la fine di Windows 8, spesso fonte di frustrazione per il suo eccentrico design ibrido. Microsoft ha annunciato Lunedi che il successore di Windows 8, Windows 10, sarà disponibile il mese prossimo. Conviene o no aggiornare?

“Il 29 luglio, è possibile ottenere Windows 10 per PC e tablet sfruttando l’offerta di aggiornamento gratuito, o su un nuovo PC con Windows 10 installato dal tuo produttore preferito,” ha scritto in un post sul blog Lunedi Terry Myerson, vice presidente esecutivo del gruppo sistemi operativi di Microsoft.  La prima release sarà per PC e tablet.

Il sistema operativo spesso diffamato, Windows 8, ha cercato di cavalcare il mondo dei tablet e desktop, impresa secondo molti non riuscita – gli utenti rimasti con Windows 7 hanno fatto continui appelli a Microsoft affinché quest’ultima modificasse il software. Cosa che Microsoft ha fatto successivamente con Windows 8.1. Ma le modifiche apportate erano troppo poche e fatte troppo in ritardo per un sacco di utenti e imprese affezionati a Windows  – molte aziende infatti  sono rimaste con Windows 7 piuttosto che fare la stridente transizione da Windows 8 a  8.1.

Aziende di PC sono state più diplomatiche rispetto agli utenti, ma la loro frustrazione non è difficile da decifrare quando la si legge tra le righe. Frank Azor, uno dei co-fondatori di Alienware e direttore esecutivo/direttore generale della linea di notebook XPS di Dell Computer, ha detto che la novità di Windows 8 – al momento dell’uscita  – era la sua interfaccia touch, che è riuscita a guadagnare consensi solo ultimamente. Tuttavia per alcuni clienti si è anche dimostrato essere un deterrente a causa del prezzo elevato dei sistemi touch.

Jeff Barney, GM e VP del business di Toshiba America PC, ha citato la “difficoltà” e “paura” di Windows 8 a causa del  cambiamento radicale della UI [Interfaccia utente], che ha reso i consumatori meno entusiasti di acquistare computer portatili.

Sarà Windows 10 a rimediare?

Solo il tempo potrà dirlo, ma Microsoft sta cercando di rendere Windows 10 più appetibile per gli utenti che vogliono solo un sistema operativo mouse e tastiera. La modalità tablet touch-friendly sarà ancora lì, ma meno invadente.

Leggi anche:  Xbox One X: ecco i dettagli su temperatura e consumi

“Che ci crediate o meno il nuovo menù  Start è una grossa conquista. Penso che ci saranno un sacco di passaparola positivi intorno a Windows 10. Crediamo che le potenzialità del sistema porteranno la gente e in generale il mercato ad aggiornare il proprio hardware”, ha detto Barney di Toshiba, che ha aggiunto che molti utenti stanno ancora utilizzando Windows 7 perché hanno deciso di saltare di peso Windows 8.

Altre modifiche marcate sul desktop includono il nuovo browser Edge e l’autenticazione biometrica di Windows Hello, che utilizza il volto, l’iride, o le impronte digitali per sbloccare i dispositivi. Microsoft porterà anche l’assistente virtuale Cortana, simile a Siri di Apple, per il browser Edge e desktop di Windows. Cortana è già disponibile su Windows Phone.

Applicazioni per ufficio multi-piattaforma touch-friendly arriveranno anche su Windows. All’inizio di quest’anno, Microsoft ha annunciato l’imminente disponibilità di applicazioni per ufficio multi-piattaforma, per Windows 10, tra cui Word, Excel, PowerPoint, Outlook e OneNote che potranno essere installati su PC, tablet e telefoni.

La licenza di aggiornamento è definitiva? Oppure se si formatta dopo il primo anno si perde tutto?

In molti girovagando su internet chiedono se la licenza di Windows 10 ottenuta gratuitamente con l’aggiornamento da Windows 7, Windows 8/8.1 entro il primo anno sia definitiva.

La preoccupazione deriva dal fatto che, se si  prende un virus e si è costretti  a formattare, si possa perdere la licenza di Windows 10. Questa è una domanda ricorrente sui vari forum. Consiglio per tutti quelli che effettueranno l’aggiornamento di farsi una copia immediatamente dopo aver aggiornato a Windows 10 creando un’immagine completa del disco in una unita esterna (dvd – pendrive) o un unità di ripristino avviabile.