Facebook Messenger
Facebook Messenger

Un’estensione per Facebook Messenger spiega come rilevare gli spostamenti degli amici. Uno strumento per Chrome ideato da uno studente di Harvard, Aran Khanna, al quale si deve la possibilità di monitorare dove sono i nostri contatti, da dove scrivono e se ci dicono la verità. 

Un’estensione che, oltre a tracciare lo spostamento dell’amico, permette addirittura di “pedinarlo” su un’apposita mappa, denominata appunto “Mappa del Malandrino”, ovvero Marauders Map. Gli appassionati di Harry Potter, probabilmente, ricorderanno tale cartina magica che segue in tempo reale i movimenti di altre persone.

Forse, prendendo spunto dalla mappa del maghetto, l’ingegnoso sviluppatore ha voluto ideare qualcosa di molto simile e che, se la localizzazione è attiva, sia in grado di dirci con esattezza la posizione del nostro interlocutore. Tuttavia, come sottolinea lo stesso studente, questa funzione non è un nuovo strumento di stalking e non vuole assolutamente ledere la privacy dei propri contatti. Anzi, sarebbe vero il contrario. Questa estensione, infatti, vuole proprio dimostrare quanto sia facile e fastidioso violare la vita privata delle altre persone. “Ci viene detto costantemente che stiamo perdendo la privacy con la crescente digitalizzazione delle nostre vite, tuttavia le conseguenze non sembrano mai tangibili“, spiega Khanna. “Con questo codice potrete vedere da soli l’uso potenzialmente invasivo delle informazioni che condividete, e decidere da soli se c’è qualcosa di cui dovreste preoccuparvi”.

Leggi anche:  Facebook: addio alle storie che spariscono dopo 24H ecco perché
Marauders Map
Marauders Map

Ma il modo per tutelarsi da questa nuova funzione c’è ed è molto semplice. Basta accedere nelle impostazioni del proprio smartphone e da lì disattivare la propria localizzazione nei messaggi di Facebook. Un programma il cui codice, però, è stato reso disponibile sulla piattaforma per sviluppatori GitHub. Ad ogni modo, per parte sua, Facebook ha già annunciato una patch per risolvere questo “spiacevole” problema.