Android M
Android M si chiamerebbe così in onore dei biscotti con le noci di Macadamia

Google avrebbe denominato Android M in questo modo per omaggiare i biscotti preparati con la noce macadamia. Non è la prima volta che l’azienda si ispira ai dolci.

L’edizione del 2015 di Google I/O caratterizzerà il prossimo week-end, e l’azienda di Mountain View è pronta a svelare il successore di Lollipop, che con tutta probabilità si chiamerà Android M. Ma perché tale sistema operativo ha assunto questa denominazione? La società ha pensato ad un particolare codice interno dai risvolti alquanto bizzarri, un po’ come ha fatto anche con le versioni precedenti.

In Android M, quella M starebbe per “Macadamia Nut Cookie” (MNC), la cui traduzione letterale in italiano è “biscotti con le noci di Macadamia”. Le indiscrezioni scaturiscono dal codice relativo alla sorgente del sistema operativo, chiamato “mmc-dev”. Tuttavia, sembra altamente improbabile che la denominazione conclusiva del sistema operativo abbia a che fare con dolci di alcun genere.

Con Android M, non è la prima volta che Google si diverte ad eseguire certi giochetti con i propri utenti. Infatti, in passato sono apparsi altri nomi piuttosto divertenti, come ad esempio “Key Lime Pie” (KLP) ed “Lemon Meringue Pie” (LMP), che stavano per “torta di limetta” e “torta meringata al limone”. Alla fine, i due nomi bizzarri corrispondevano a Kitkat e a Lollipop.

Per queste motivazioni, è necessario prendere con le molle tali indiscrezioni su Android M. Nelle prossime settimane, dovrebbero essere diffuse ulteriori informazioni sul nuovo sistema operativo di Google.