google play
Come sappiamo gli enti governativi, per garantire la nostra sicurezza (si spera) intendono fare di tutto per rintracciare in tempo reale qualsivoglia tentativo atto a ledere l’incolumità dei cittadini, probabilmente è per questo che la NSA vorrebbe infrangere la nostra privacy utilizzando Google Play!

L’indiscrezione arriverebbe direttamente da Snowden, lo stesso che qualche mese fa sollevò delle gravi accuse nei confronti degli USA, riguardanti proprio l’uso indiscriminato di informazioni personali ricavate attraverso lo spionaggio di liberi cittadini americani.

Questa volta però, Snowden ha fatto trapelare una notizia che potrebbe davvero mettere in allarme tutti i possessori di devices Android. Al centro delle sue dichiarazioni vi sono le intenzioni della NSA di utilizzare Google Play come mezzo di diffusione di “app spyware”, applicazioni che apparentemente avrebbero le vesti di un gioco o di una semplice app per uso quotidiano, ma che al loro interno nasconderebbero un software atto a tracciare le nostre telefonate, i nostri SMS e davvero molto altro: un modo per sfruttare la diffusione di Android a favore dei propri scopi.

Attualmente non sappiamo se tale procedura sia stata messa in atto e, soprattutto, se vi siano applicazioni su Google Play che siano riuscite ad eludere i controlli Google, sappiamo però che la sua realizzazione è alquanto semplice e banale, soprattutto per un ente ampiamente finanziato quale l’NSA americano. Insomma, la nostra privacy sembrerebbe ancora a rischio, e stando a ciò che sta circolando in rete in merito al precedente report, i meccanismi per difenderci da questa nuova minaccia sono ben pochi. Per fortuna la criptazione delle nuove versioni di Android aiuta contro questa nuova minaccia, ma come sappiamo, le cose potrebbero cambiare presto viste le mozioni fatte al presidente degli Stati Uniti in merito ai dati criptati degli attuali smartphone.