images (11)

 

E’ ormai risaputo, anche se non tutti lo sanno, che gli amministratori Google Apps possono gestire o aggiungere sui dispositivi degli utenti Android su cui è installata l’App . Spesso risulta fastidioso dover accettare delle condizioni quando ci si ritrova a scaricare un  App, essendo quasi costretti ad accettare pur di usufruire di essa.

Nella scheda di Autorizzazioni account si possono visualizzare un elenco di siti e applicazioni a cui concediamo l’autorizzazione per accedere al nostro account Google. Alcune applicazioni potrebbero avere pieno accesso al nostro account. Hanno in questo modo accesso ai dati di base come il nome, il Paese, e-mail ecc. Google sembrerebbe che stia lavorando affinché gli utenti possano gestire le autorizzazioni in maniera individuale sui propri dispositivi, questo secondo il rapporto Bloomberg. L’aggiornamento che Google ha fatto lo scorso anno era anch’esso finalizzato per rendere più chiare le autorizzazioni delle App.

Il sistema operativo Android di Google sarebbe impostato in modo tale gli utenti abbiano finalmente il coltello dalla parte del manico e questo possibile cambiamento farebbe in modo che Android sia più in linea rispetto ad iOS. Non è stato chiarito in che modo gli utenti possano controllare le applicazioni, ma d’altra parte non è chiaro come le applicazioni possano gestire le mancate autorizzazioni. Chiarimenti a riguardo ma soprattutto che quest’idea si trasformi in un dato di fatto lo scopriremo da Google  solo questo mese a San Francisco.

Spesso ignoriamo del tutto ciò che andiamo ad accettare,forse troppo presi dalla frenesia di scaricare l’App del momento o forse siamo fin troppo superficiali per capire che la tecnologia ha fatto passi da gigante al punto tale di avere ormai essa sotto controllo noi. Quindi sarebbe giusto non solo fare più attenzione ma anche non appena abbiamo dubbi disinstallare un’App. Per ora sembrerebbe che Google stia andando dalla parte dell’utente.