samsung

Lo scorso Agosto, il CEO di Apple Tim Cook ha deciso di mettere uno stop alla competizione con Samsung e cominciare un periodo di pace. Le due aziende hanno infatti lottato a lungo tra di loro a suon di battaglie legali e brevetti che hanno occupato le prime pagine dei più grandi giornali del mondo. Ora i due colossi hanno deciso di collaborare per la produzione di alcuni componenti, collaborazione che potrebbe portare a tempi bui per la concorrenza.

Secondo Bloomberg, Samsung sarà l’azienda produttrice dell’Apple A9, il chip presente nella prossima generazione di iPhone. Ne avevamo già parlato in passato – Samsung produrrà i prossimi chip A9 di Apple – e sebbene alcuni ancora affermano che sarà la storica TSMC a realizzare questo componente, voci sempre più insistenti vedono invece il colosso coreano come l’industria produttrice. TMSC è stata la responsabile della realizzazione dell’Apple A8 presente su iPhone 6 e 6 Plus, ma sembra proprio che quest’anno dovrà mettersi da parte.

 

Grazie alla collaborazione tra Samsung ed Apple, l’azienda coreana ha visto dei miglioramenti nelle vendite in questi primi mesi del 2015. Samsung è infatti ottimista riguardo al futuro dei suoi chip, che hanno portato al successo il Galaxy S6 ed il Galaxy S6 Edge. Un’altra compagnia che potrebbe avere dei problemi in seguito a questa collaborazione è SanDisk, che ha prodotto chip per dispositivi quali l’iPhone e l’iPad. Sebbene Apple fosse un tempo il più grande cliente di questa azienda, responsabile del 19% delle sue entrate, questi giorni sono apparentemente andati. Lo scorso 15 Aprile, infatti, SanDisk ha dichiarato che si aspetta delle entrate inferiori quest’anno poiché molti dei suoi clienti sono andati perduti: Apple è sicuramente su quella lista.

Per quanto riguarda Samsung, invece, la sua rinascita grazie alla vendita dei suoi chip arriva al momento giusto. Il 2014 non è stato certamente un anno da ricordare per l’azienda, che ha visto il mercato dei suoi smartphone crollare fino al 75% con conseguenti perdite di denaro. Grazie alla produzione del suo Exynos 7420 montato sui Galaxy S6, l’azienda è tornata in carreggiata più forte che mai, segno che la produzione di chip semiconduttori è la strada giusta.

Insieme, Samsung ed Apple controllano più del 40% del mercato smartphone globale. Grazie alla scelta di Apple di optare per il colosso coreano per la produzione dei suoi prossimi chip, e grazie alla produzione di semiconduttori sempre maggiore da parte di Samsung (trend che continuerà con il Galaxy Note 5), potrebbero essere in arrivo davvero dei tempi bui per i produttori di chip che un tempo puntavano su questi due colossi per i maggiori profitti. A parte TSMC e SanDisk, l’altro nome che sicuramente fa capolino sulla cima di questa lista è Qualcomm.

Qualcomm non sta godendo di una buona reputazione negli ultimi tempi a causa dei problemi riscontrati con il suo Snapdragon 810, la causa principale del cambio di rotta di Samsung verso chip proprietari. L’azienda ha fatto davvero un ottimo lavoro con il suo Exynos, ed è questo il motivo per cui Apple si sta rivolgendo a lei per la produzione del suo A9. Cosa ne pensate? Questa collaborazione potrebbe davvero portare dei problemi alla concorrenza?