Facebook Messenger

Facebook messenger introduce le video chiamate, l’annuncio dato ieri tramite un post sulla newsroom di Facebook, come avviene di solito con le novità introdotte dal social network.

Facebook Messenger entra così a far parte di una serie di applicazioni con le quali è possibile, oltre chattare, anche video chiamare con un semplice tap. La novità è stata introdotta per iOS e Android in alcuni Paesi tra cui manca l’Italia per il momento. Tra i Paesi in cui è stata introdotta la nuova funzione ci sono Belgio, Canada, Croazia, Danimarca, Francia, Grecia, Irlanda, Laos, Lituania, Messico, Nigeria, Norvegia, Oman, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Stati Uniti e Uruguay. Nei prossimi mesi arriverà l’aggiornamento in altre parti del mondo tra cui sarà compresa anche la nostra penisola.

facebook messenger

Stan Chudnovsky, Head of Product for Messenger, ha dichiarato che non ci sono al momento piani per guadagnare da questa nuova funzione e nemmeno per introdurla su Whatsapp dove la base di utenti supera quella di Messenger che si attesta sui 600 milioni. Continua da parte di Facebook l’apporto graduale ma inesorabile di modifiche che rendono Facebook Messenger sempre più un app standalone e che, per ora, mantiene ancora i connotati di app gratuita e senza pubblicità.

facebook messenger

Vedremo cosa ne pensa la Commissione europea che sta già indagando su Skype e Whatsapp che non rispettano alcune regole a cui sono soggette gli operatori telefonici per quanto riguarda, ad esempio, le chiamate d’emergenza. Gli operatori telefonici non sono molto felici delle applicazioni che consentono di chiamare o videochiamare in modo gratuito sfruttando il piano dati per cui sono ricorsi ad una denuncia all’UE per valutare la situazione.

Dunque a breve potremo conversare faccia a faccia tramite Facebook Messenger che potrebbe consentire anche video chat di gruppo o collegare gli utenti con le imprese, il potenziale è enorme visto il bacino di utenza. Cosa certamente positiva è che Facebook ha realizzato una caratteristica in grado di lavorare sia su smartphone di fascia alta che di fascia bassa, senza consumare troppi dati. Gli utenti possono limitare l’uso dei dati, disattivando il feed video di se stessi pur continuando a vedere il video dell’interlocutore.

“Volevamo che qualcuno con una connessione high-end a San Francisco potesse parlare con qualcun altro con un telefono Android di fascia bassa in Bangladesh mantenendo una buona conversazione”, ha detto Chudnovsky.