Google Now supporterà cards di applicazioni di terze parti

 

Questa è una di quelle notizie che renderanno felici tanti appassionati. Google è infatti in procinto di aggiornare il suo Google Now, che si arricchisce ancora di più di funzioni e permetterà ora di mostrare anche cards di applicazioni di terze parti.

Su uno dei suoi tanti blog, mamma Google annuncia che il rollout in tutto il mondo di questo grande aggiornamento sta per cominciare, aggiornamento che permetterà appunto di mostrare informazioni provenienti da diverse app installate nel dispositivo, direttamente sulla pagina di Google Now sotto forma delle famose cards, emblema del Material Design.

Google Now supporterà cards di applicazioni di terze parti

Google Now, tutto il necessario tra le tue mani

Google afferma sul suo blog che ha collaborato con una grande varietà di sviluppatori al fine di fornire, per adesso, 40 nuove schede provenienti da altrettanti applicazioni di terze parti. Scrive:

Al mattino, aggiornatevi sulle ultime notizie con le cards di The Guardian. In treno, Pandora può fornirvi suggerimenti su quale musica ascoltare, in base a ciò che vi piace, oppure ancora Duolingo può ricordarvi di completare la vostra lezione giornaliera di francese. […] Se state organizzando un viaggio e avete cercato un posto dove alloggiare su Airbnb ma non riuscite a ricordare quale, troverete pronte le Now cards di Airbnb per le località e le date che avete cercato.

Basterà dunque cliccare sulle informazioni mostrate sulla card in questione, e l’applicazione relativa si aprirà immediatamente. La lista di tutte le app al momento compatibili con Google Now è raggiungibile a questo indirizzo creato appositamente dal colosso di Mountain view. Troviamo app famose del calibro di Shazam, Trip Advisor, Ebay o Runtastic. Si tratta di una lista non definitiva, in quanto in futuro il numero di integrazioni possibili salirà sempre di più, rendendo Google Now più completo e, chissà, magari anche utile, soprattutto in Italia dove le funzioni disponibili sono molte di meno rispetto agli USA.

Il nuovo aggiornamento sarà disponibile su Android nei prossimi giorni.

VIA