ibm

IBM ha svelato quali sono le abitudini di acquisto degli utenti delle due piattaforme più utilizzate al mondo, iOS e Android, per fare i regali di Natale 2014.

IBM ha realizzato uno studio per verificare quanti acquisti sono stati effettuati nel giorno di Natale tramite dispositivi mobili e il risultato è un incremento rispetto allo scorso anno.

iOS e Android: le abitudini di acquisto a Natale.

ibm

Il dato che emerge dalla ricerca è che il 57,1% di coloro che hanno navigato on line alla ricerca di un regalo da mettere sotto l’albero è avvenuto tramite dispositivo mobile, in crescita rispetto allo scorso anno del 18,6%.

Per quanto concerne gli acquisti, le vendite online sono aumentate dell’8,3% rispetto allo stesso periodo del 2013, mentre le vendite tramite dispositivo mobile sono cresciute del 20,4%. Tra tutti coloro che hanno comprato qualcosa online il giorno di Natale, il valore medio degli ordini è stato di 100,33 dollari, un salto del 6,2% rispetto al valore registrato nel 2013.

Nonostante la familiarità e semplicità di utilizzo di smartphone e tablet quando si tratta di effettuare acquisti i pc desktop e portatili rimangono i dispositivi più popolari con il 65,2% di tutte le vendite on-line il giorno di Natale. Questo dato si riflette anche sulla spesa maggiore avvenuta proprio tramite i pc desktop e laptop di quanto avvenuto sui cellulari, forse perché da pc abbiamo la possibilità di vedere meglio e perché i metodi di pagamento sono memorizzati su pc.

Leggi anche:  Microsoft Edge per Android: in arrivo il tema scuro e tanto altro

Ovviamente non poteva mancare il confronto tra le piattaforme smartphone, gli utenti iOS hanno speso più tempo online, acquistando di più e pagando di più (come loro consuetudine) per ciascun articolo rispetto ai device con sistema operativo Android. Il traffico generato dal sistema di Cupertino ha rappresentato il 39,1% di quello totale nel giorno di Natale, più del doppio rispetto di quello Android fermo al 17,7%.

Saranno contenti gli utenti di iPhone e iPad che almeno in qualcosa sono riusciti a battere Android.

Potete leggere il rapporto completo su IBM analytics hub.

via