Life Up

Il MODE Life Up è il piccolo della famiglia Life, formata dal già valido e recensito Life One e completata dall’altrettanto valido Life Sense, in arrivo tra pochi giorni. Andiamo quindi a vedere cosa ha da offrire l’entry-level MODE, con a bordo KitKat ed un prezzo molto competitivo.A differenza di altri dispositivi concorrenti (per prezzo e caratteristiche almeno), questo Life Up è decisamente più curato esteticamente, specialmente nella parte posteriore dove troviamo una scocca in plastica con un effetto molto particolare, simil-Nexus 4, ed una cornice in metallo che percorre i bordi del device.

Altra differenza sostanziale la troviamo nel sistema operativo.
Non parliamo di personalizzazione MODE, quella la vedremo nel dettaglio e non è così decisa, bensì parliamo proprio della versione Android montata: il Life Up è stato aggiornato ad Android 4.4.2 KitKat, uno dei pochi entry-level a poter vantare questo. Troviamo quindi tutte le ultime (o quasi) features Google ed essendo questo un sistema ottimizzato per dispositivi con soli 512 MB di RAM, fluidità, stabilità (specialmente nel multitasking) e durata della batteria, sono superiori ai concorrenti.

Questi sono i principali plus offerti da MODE.
Il resto quindi (caratteristiche tecniche e qualità dei materiali), è in linea con i diretti avversari, con punti di forza e punti deboli.

Le specifiche le abbiamo già viste nel corso dell’unboxing ma facciamo comunque un veloce riepilogo:

  • Display 4,5″ IPS qHD (960×540)
  • CPU Quad-core MTK6582 da 1.3 GHz
  • GPU Mali 400MP
  • Dual SIM
  • 512 MB di RAM
  • 4 GB di ROM espandibile con microSD fino a 64 GB
  • Fotocamera posteriore da 5 MP
  • Fotocamera anteriore da 2 MP
  • 133x67x9 mm
  • Peso di 120 g
  • Batteria 1600 mAh

Display

Lo schermo può sembrare poco risoluto ma in realtà, se consideriamo la diagonale di soli 4,5 pollici, notiamo come la densità dei pixel non sia così bassa. L’unità è di per se molto valida, sia per i colori che per la luminosità generale. Noterete infatti un’ottima resa dei colori, con dettagli molto fedeli. Purtroppo i neri non sono assoluti, come su ogni IPS. Questo rende le foto scure troppo poco dettagliate, con conseguente difficoltà nella visualizzazione dei dettagli.
Sotto il contatto diretto del sole si riesce a vedere decentemente il display. Attenzione alla pellicola pre-installata che riflette molto.

Fotocamera

Foto e quindi comparto fotografico non esaltante. Gli scatti sono molto rumorosi ed anche attivando l’HDR non riusciamo ad avere foto decenti. Fortunatamente, se così vogliamo dire, al buio la situazione è la medesima, senza peggioramenti, ma comunque non buona.
Idem per la ripresa video. Anzi, qui notiamo qualche difficoltà nella regolazione della luminosità, molto lenta sotto questo punto di vista.

Launcher

Se la fotocamera potrebbe essere meglio ottimizzata, stessa cosa non possiamo dire del Launcher. Qui MODE ha fatto un lavoro di personalizzazione molto semplice e non invasivo, caratterizzando il suo Life Up senza appesantirlo.
Troviamo tutto più chiaro, dalla tendina delle notifiche fino al menù delle impostazioni. Sparti l’app drawer, le app sono tutte nella home.
Ottima la possibilità di modificare i toggles grazie al sistema Easy Touch: qui potremo anche abilitare un piccolo tasto fluttuante che ci permette di entrare in un piccolo menù. Abbiamo anche la possibilità di modificare le gesture ed il comportamento generale del tastino fluttuante dalle impostazioni dell’app. Teoricamente è possibile installare dei temi ma al momento questa funzione sembra non utilizzabile.

Ricezione e Batteria

Il Life Up ha il supporto al Dual-SIM dual stand-by: questo permette quindi l’uso di due SIM (standard), andremo quindi a stabilire quale SIM utilizzare per i Dati e quale per SMS e Chiamate, con la possibilità di modificare quest’ultima opzione appena prima della chiamata.
La batteria non ha molti mAh da offrire ma, considerando dimensioni dello schermo e risoluzione, riusciamo ad arrivare tranquillamente a sera, facendo qualche piccola difficoltà (arrivando comunque alle 21 minimo) con le due SIM in uso contemporaneo.

Audio, Gaming e Prestazioni

La cassa, posta dietro il MODE Life Up, non è potente e non ha una riproduzione pulitissima ma, almeno, la corposità  del suono la rende accettabile, forse un po’ sopra la media (sempre parlando di entry-level).
Non godrete quindi di un grande audio ma nemmeno di un grande comparto gaming. Riusciamo ad utilizzare giochi meno impegnativi (anche con grafica 3D) me senza eccedere troppo. Il nostro test effettuato con RedBull Air Race è stato superato con ottimi voti. Non chiedetegli di più.
Come detto all’inizio, KitKat e 512MB di RAM fanno un buon lavoro, mantenendo quasi sempre una buona fluidità del sistema. Unica pecca il browser, non sempre reattivo, specialmente dopo uno zoom-in.
Nessun crash improvviso in questi giorni di prove.

Conclusioni

MODE con questo Life Up ha forse sfatato un mito: se costa poco è brutto. Questo device non solo non è brutto ma è anche bello. Per i miei gusti la colorazione bianca è un po’ pacchiana, ed in nero rende meglio, però è innegabile una cura all’estetica che troppo spesso viene abbandonata in questo settore.
Tecnicamente parlando, il Life Up è un dispositivo che consiglierei a chi vuole fare un regalo, magari a propria moglie o alla propria figlia, senza spendere troppo ed offrendo comunque un prodotto valido.
Purtroppo le pecche ci sono, in primis la fotocamera, ma confrontandolo a device dello stesso tipo il Life Up potrebbe uscirne vincitore.

Voto: 7

Trovate MODE Life Up presso i rivenditori ufficiali ad un prezzo consigliato di 119,90€