Google-toys-around-with-the-Android-Market-changes-name-to-Google-Play

Già in precedenza avevamo potuto notare l’estensione del periodo di rimborso delle app dal Google Play Store a 2 ore invece che 15 minuti e tutto ciò è diventato ufficiale.

La notizia ufficiale è giunta direttamente dalla società che ha ora confermato che il periodo di restituzioni delle applicazioni e dei giochi a pagamento scaricati dal Google Play Store è ora di 2 ore. In questo modo gli utenti, dopo aver acquistato un’app o un gioco su Google Play, possono restituirlo liberamente entro un periodo di due ore e ottenere il rimborso completo dei soldi spesi. Si riporta inoltre che “Se la finestra di rimborso di due ore non è ancora scomparsa, verranno visualizzati i pulsanti per l’apertura e per il rimborso.

Se il pulsante di rimborso non viene visualizzato, il tuo acquisto non è ammissibile per il rimborso.” La società ha anche dettagliato i passi per restituire un’applicazione o un gioco entro due ore dall’acquisto. Sul dispositivo Android > Aprire il Google Play > Toccare l’icona Play Store > Le mie Applicazioni > Selezionare l’applicazione o il gioco che devono essere restituiti > selezionare Rimborso. Gli utenti dovranno seguire le istruzioni per completare la restituzione e disinstallare l’applicazione o il gioco. Una volta che il periodo di rimborso di due ore è passato, i consumatori dovranno contattare direttamente lo sviluppatore dell’app. “È possibile trovare le informazioni di contatto dello sviluppatore nella pagina dei dettagli del gioco o dell’app su Google Play”. Google ha anche sottolineato che un utente non può restituire un’app o un gioco più di una volta.

La politica di rimborso di due ore era già attiva da qualche tempo però è stata confermata solo ora. Il mese scorso, la società aveva detto che per alcune app il periodo di rimborso veniva esteso per tenere conto dei tempi di download, mentre adesso questa politica vale per tutti i giochi e le applicazioni a pagamento scaricate dal Google Play Store. Davvero un’ottima mossa questa di Google, non pensate?