Galaxy Alpha

Samsung presenterà il nuovo Galaxy Alpha fra due giorni, il 13 agosto, ma nel corso del week end appena passato è stato già presentato in Russia in un evento riservato a pochi.

Il Galaxy Alpha segnerà una svolta per Samsung in quanto è il primo, tanto atteso da molti, smartphone con corpo in metallo della casa coreana. Ormai sappiamo tutto del device grazie alle solite notizie trapelate in anticipo e alle immagini che circolano in rete.

Il Galaxy Alpha sarà dotato di un display Super AMOLED in alta definizione con risoluzione 1280×720 pixel, 2GB di RAM, processore Exynos octa-core 5430 oppure Snapdragon 80x a seconda del paese di commercializzazione, batteria, non removibile, da 1860 mAh, fotocamera da 13MPx, Android 4.4 Kitkat e 32GB di memoria interna. Questo è quello che sappiamo fino ad oggi, ora, sembra che sarà disponibile anche una versione con 64GB di ROM, ma non sappiamo se in tutti i paesi e in che quantità.

Nei giorni scorsi è anche trapelato il prezzo di vendita in Brasile che dovrebbe superare i 700€, prezzo folle se è e sarà effettivamente questo. Samsung ha realizzato il Galaxy Alpha per contrastare le vendite degli iPhone di Apple a cui in molti imputano una migliore qualità costruttiva proprio per l’uso di materiali più pregiati (l’alluminio è tra i materiali più economici ndr).

Quindi per contrastare Apple cosa ha pensato di fare Samsung? Di realizzare un dispositivo con corpo in metallo più sottile dell’iPhone 5s, ben venga, ma questa è l’unica cosa positiva.

Anche se il display è solo HD, anche questa scelta è molto discutibile, una batteria da 1860 mAh quanto potrà durare con la tanta personalizzazione dell’interfaccia TouchWiz? Ricordo che la batteria non è removibile e la memoria non espandibile, altre scelte, anche queste, molto discutibili.

Mi chiedo per quale motivo Samsung realizzi un dispositivo per contrastarne un altro costruendolo con tutti i lati negativi per cui è criticato il concorrente che vuole contrastare. Se ci si riflette su un attimo la cosa ha dell’incredibile.

Lasciando stare il costo eccessivo, per un device dalle caratteristiche di livello medio, che (per fortuna) calerà molto velocemente.

Sembra quasi che con il lancio del Galaxy Alpha, faccia una prova generale per vedere come il mercato risponderà al nuovo device, cosa che è anche successa con il primo Galaxy Gear. Questo è del tutto inaccettabile per un colosso qual è Samsung, la quale realizza ottimi dispositivi, ha, forse, il miglior marketing (insieme a quello Apple), ma che, a volte, sembra diretto da persone che non sanno bene quello che fanno e procedono a tentativi come quei bambini che per la prima volta si alzano sulle gambe dalla posizione a carponi.

via