sexfit

 

SexFit è un conta”passi” davvero particolare e per ora è solo un progetto, ma crediamo che farà presto la sua comparsa sul mercato.

Che la tecnologia stia sempre più entrando nella vita di tutti noi è, ormai, fatto risaputo, ma in questo caso si va oltre. Ora si va più in basso, nel vero senso della parola. I dispositivi indossabili si potranno fregiare, presto, di un nuovo “membro”, appunto il SexFit.

Prima sono arrivati gli occhiali, poi gli orologi e ora siamo arrivati dove non batte il sole. Infatti, SexFit è un anello per il pene con tecnologia bluetooth e contapassi, o meglio conta gli ingressi e le uscite, per dirla all’inglese, che rende meglio l’idea, conta gli in-and-out.

L’anello si posiziona alla base del pene e consente di avere una migliore erezione bloccando l’afflusso di sangue. Grazie ad un accelerometro e al bluetooth 4.0 tutte le vostre performance saranno registrate sullo smartphone in un’apposita applicazione realizzata ad hoc. Questa app vi dirà la spinta al minuto e le calorie bruciate.

In un tale device non poteva mancare la possibilità di condividere tali informazioni tramite i social network ai vostri amici e al mondo intero se decidete di condividere tali informazioni (molto utili) in modo pubblico.

Le caratteristiche a cui ha pensato Bondara, specializzata in prodotti hot, non finiscono qui e SexFit può anche vibrare, avendo la possibilità di impostare degli intervalli di tempo specifici, sia per un maggiore piacere o per mettere il metronomo al piano di sotto. Ci sono anche cinque LED sulla parte superiore del dispositivo che si accendono quando si colpisce con un ritmo costante. Supponendo che si preferisca utilizzare questo come indizio, piuttosto che quelli più evidenti che potrebbero essere disponibili durante il rapporto, di certo vedere un bagliore colorato arrivare dai genitali più che erotico è divertente.

Alla bizzarria non c’è mai fine, almeno in questo caso potrebbe essere un modo per farsi due risate, magari potreste impersonare un alieno in un particolare gioco di ruolo. Che ne pensate?

Via | Fonte