maxresdefault

Chi ha un Nexus 5 o 7 e non ha potuto resistere alla tentazione di provare la versione d’anteprima di Android L, ora può farlo sapendo di contare sul supporto di Chainfire, il team di sviluppo di XDA developer, che porta il rooting sul nuovo sistema operativo a velocità record.

Avete sentito bene, SuperSU l’applicazione per la gestione del root d’eccellenza è disponibile per gli smanettatoni  impazienti che hanno installato la preview. Basterà soltanto avere un recovery personalizzata (ClockworkMod o TWRP Recovery) per flasshare l’applicazione direttamente sul dispositivo. L’operazione da eseguire non è uguale a come avviene con le precedenti versioni perché l’accesso al sistema di scrittura su Android L è leggermente differente. Per ovviare a questo problema Chainfire, tramite Twitter, ha confermato di aver trovato una soluzione. Basterà flashare SuperSU e di seguito il fastboot approriato. Tutto qui.

Ricordiamo che la factory image di Android L è stata rilasciata appena 2 giorni fa, dopo essere stata mostrata per la prima volta al Google I/O a San Francisco e la trovate a questo indirizzo.

Via