rp_s-voice-samsung.jpg

La Nuance Communications ha riferito di aver avuto colloqui di acquisizione con la Samsung all’inizio di quest’anno.La Nuance è una delle più grandi aziende nella tecnologia di riconoscimento vocale; i software di riconoscimento vocale come l’ assistente virtuale della Samsung, S Voice, e della Apple, Siri, sono stati sviluppati da essa. Altri clienti della società sono aziende automobilistiche come la Daimler e i produttori delle smart TV come Panasonic.

Secondo persone vicine alla vicenda, come riferito dal Wall Street Journal, la Nuance sarebbe impegnata in colloqui con la Samsung per una possibile vendita della società. I colloqui sono stati fatti recentemente, ma non si conosce la situazione attuale.

La Nuance è nata come ramo della SRI International, un istituto di ricerca senza scopo di lucro legato alla Stanford University. Con una capitalizzazione di mercato attuale di circa 5,5 miliardi dollari, l’azienda è leader indiscusso nella tecnologia di riconoscimento vocale, ma il suo portafoglio di tecnologie si estende anche in alcuni campi correlati come software OCR, assistenza virtuale e tecnologie di input touchscreen. Nel 2011, la Nuance ha acquistato Swype, il creatore di una delle prime tastiere per Android basate su gesti.

L’ acquisto di Nuance darebbe a Samsung un grande vantaggio nel settore cruciale della tecnologia di assistenza virtuale, con applicazioni in smartphone, tablet, smart tv, dispositivi indossabili, automobili e smart home. Ciò significherebbe dare a Samsung il controllo diretto su una caratteristica fondamentale dei dispositivi intelligenti moderni, così come l’accesso ad una miriade di brevetti relativi al riconoscimento vocale e al metodo di scrittura intuitivo.

[via]